Connettiti con

Chiesa

Gemellaggio tra la chiesa della Mercede di Biancavilla e quella di Catania

Santa Messa celebrata da padre Giosuè Messina, con la presenza dell’omonima confraternita

Pubblicato

il

Un momento di fraternità ha abbracciato le due comunità ecclesiali di Biancavilla e Catania, dedicate alla Madonna della Mercede. Accolto l’invito a presiedere l’eucarestia nella parrocchia catanese, il rettore della chiesa biancavillese, padre Giosuè Messina, assieme alla confraternita e ai fedeli, ha celebrato la messa con l’accompagnamento musicale del maestro Filadelfio Grasso e un gruppo di giovani cantori.

Ad accogliere la comunità è stato il parroco don Pasquale Munzone, cerimoniere arcivescovile e vice direttore dell’Ufficio liturgico diocesano. È stato lui a proporre il gemellaggio fra “le due sorelle”: così le ha definite. Una vera e propria iniziativa di fratellanza tra due comunità.

Durante la predicazione, don Giosuè ha ricordato i voti che facevano, e tutt’oggi fanno, i frati Mercedari: carità, castità, obbedienza e redenzione. La redenzione è un voto che contraddistingue tale ordine: anticamente, così i membri riscattavano gli schiavi con oro e denari pur di salvare loro la vita e redimerli.

L’incontro tra le due comunità è avvenuto per la prima volta il 5 Agosto scorso nella piccola chiesetta mercedaria di Biancavilla, durante la ricorrenza festiva della Madonna della catena. Il proposito che le due comunità dovranno sostenere e portare avanti è quello di arrivare alla “redenzione” attraverso l’evangelizzazione e il cammino sinodale, su cui la chiesa Cattolica si sta soffermando in questo periodo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Niente esorcismi a Biancavilla: incarico non rinnovato a padre Tomasello

Decisione dell’arcivescovo: il sacerdote sarà disponibile solo per confessioni e consulto spirituale

Pubblicato

il

Padre Carmelo Tomasello, sacerdote di Biancavilla, è stato sollevato dall’incarico di esorcista diocesano. La decisione è stata presa dall’arcivescovo di Catania, mons. Luigi Renna. Il prete biancavillese, parroco a “Cristo Re” dal 2003 al 2018, è attualmente rettore della chiesa “Tutte grazie”. Una chiesa diventata meta –come per anni lo è stata quella di “Cristo Re”– di fedeli provenienti da ogni parte della Sicilia.

Affollatissime le celebrazioni di padre Tomasello, in particolare le cosiddette “preghiere di liberazione”. Il ministero gli era stato affidato, a suo tempo, dal vescovo Salvatore Gristina.

La decisione di Renna è stata quella di non rinnovare tale incarico. A darne notizia, con un avviso, è la pagina Facebook della chiesa Tutte grazie. Diversi fedeli stanno manifestando già la propria sorpresa, chiedendosi le ragioni di tale scelta.

«Secondo le indicazioni di S.E. mons. Luigi Renna, vescovo di Catania, Don Carmelo Tomasello – viene comunicato – da martedì 22 novembre sarà disponibile solo per confessioni e consulto spirituale. In caso di disturbi spirituali –prosegue l’avviso– i fedeli che ne avranno bisogno, verranno indirizzati presso gli esorcisti della diocesi di Catania».

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili