Connettiti con

Chiesa

La parrocchia dell’Idria in festa per i 30 anni di sacerdozio di padre Zappalà

Un’intera comunità attorno al suo parroco, ordinato nel 1992 dall’allora arcivescovo Luigi Bommarito

Pubblicato

il

Grande festa nella chiesa Santa Maria dell’Idria, a Biancavilla, per il trentesimo anniversario di sacerdozio del parroco don Giovambattista Zappalà. Era il 14 settembre 1992, quando venne ordinato nella cattedrale di Catania dall’allora arcivescovo Luigi Bommarito.

Il clou si è avuto proprio con la celebrazione eucaristica in una chiesa gremitissima di fedeli, amici e parenti che hanno fatto sentire il proprio affetto e la propria stima al sacerdote.

Da parte sua, don Zappalà, nell’omelia, non ha mancato di manifestare la propria gratitudine verso chi negli anni gli è stato vicino ed ha contribuito a vario modo alla sua formazione e al suo apostolato.

La solenne celebrazione eucaristica è stata preparata accuratamente dai parrocchiani. Presenti il diacono Davide Mareth e i vari gruppi e gli organismi parrocchiali: dai membri del Consiglio Pastorale ai catechisti, dai giovani alla Confraternita. Non sono mancati amici provenienti dalle comunità dove don Giovambattista ha esercitato il suo ministero precedentemente.

Il servizio liturgico è stato svolto dai Ministranti parrocchiali e i canti, tratti dalla Messa per coro e organo Non autem gloriari, composta da Filadelfio Grasso per il giubileo sacerdotale, sono stati animati dal coro parrocchiale.

L’affetto di una chiesa gremita

Un caloroso affetto si percepiva tra i fedeli che in gran numero hanno partecipato alla Santa messa. Alla fine della celebrazione, Francesco Lentini, in rappresentanza della comunità, ha letto un ringraziamento per l’operato che il parroco ha compiuto in questi anni, caratterizzati anche da eventi drammatici e particolari come la pandemia. Don Giovambattista ha regalato alla comunità parrocchiale un pregevole ostensorio come segno della sua dedizione.

In questi anni di sacerdozio, don Zappalà ha ricoperto diversi incarichi. È stato vice rettore del seminario arcivescovile di Catania, canonico della cattedrale, direttore dell’ufficio liturgico diocesano, vicario foraneo, direttore dell’Ufficio Liturgico Regionale.

È stato parroco della parrocchia “Madonna del Carmelo” a Canalicchio e della parrocchia “Annunziata” di Biancavilla, prima di giungere alla parrocchia dell’Idria. Infine, il 3 settembre è stato nominato dall’arcivescovo Mons. Luigi Renna direttore dell’Ufficio diocesano per i Ministeri istituiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

In festa per Don Bosco con la “Croce dei giovani” che andrà a Lisbona

Momenti di preghiera, cortei e giro in bicicletta: coinvolte tutte le parrocchie di Biancavilla

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Si sono chiusi con una Messa, animata dal gruppo DB friends e celebrata dai parroci Salvatore Verzì e Giosuè Messina, i festeggiamenti in onore di San Giovanni Bosco, a Biancavilla. In chiesa madre, oltre alla famiglia salesiana, anche gli scout della parrocchia “San Salvatore” e i giovani delle altre parrocchie cittadine.

L’evento è coinciso con la tappa finale biancavillese della “Croce dei giovani”, in itinerario per la preparazione della diocesi etnea alla “Giornata mondiale della gioventù” (a Lisbona dall’1 al 6 agosto). La Croce lignea è stata portata in processione fino a piazza Don Bosco e consegnata alle parrocchie di Santa Maria di Licodia.

Una festa, preceduta da un triduo di preparazione e da appuntamenti presso le parrocchie Idria, Annunziata e Cristo Re, che così hanno avuto un’ulteriore occasione per ricordare i 70 anni dalla loro istituzione (avvenuta nel 1952).

L’Idria, in particolare, ha ospitato la reliquia di San Giovanni Bosco con la famiglia salesiana. Anche qui ha fatto tappa la “Croce dei giovani”, proveniente dal monastero delle clarisse. Poi, tappa all’Istituto “Maria Ausiliatrice”, dove si è tenuta una veglia di preghiera. Non è mancata quest’anno, dopo lo stop a causa dell’emergenza Covid, la “Stra Don Bosco”: tanti bambini e ragazzi hanno percorso in bicicletta il centro storico cittadino, partendo dalla chiesa Annunziata. Momento di preghiera per i ragazzi del catechismo della chiesa madre. Poi, una messa all’oratorio “San Francesco di Sales” a Catania. Qui, esposto il reliquiario con la camicia insanguinata del beato Rosario Livatino, magistrato ucciso dalla mafia ad Agrigento nel 1990.

Un programma ricco di appuntamenti per i festeggiamenti in onore di San Giovanni Bosco, che a Biancavilla si erano aperti con l’accoglienza della reliquia e della “Croce dei giovani” nella chiesa Cristo Re dieci giorni fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.