Connettiti con

Fuori città

Alfio Crispi sulla vetta di Erice: primo posto con record al campionato italiano

Con la sua Peugeot 106, il biancavillese ha messo il sigillo alla cronoscalata per la sua categoria

Pubblicato

il

Un biancavillese conquista Monte Erice, mettendo il suo sigillo sulla cronoscalata. Alfio Crispi, classe 1975, con la sua Peugeot 106, si è distinto per la sua categoria “E1 1400” al campionato italiano “velocità montagna”. Ma non si è accontentato solo del primo posto. Ha anche stabilito il record del tracciato: 3 minuti e 35 secondi.

Con questa di Erice, è la quarta vittoria del biancavillese, su sei gare di campionato italiano, disputate, con altrettanti record, tra Ascoli, Gubbio e Pedavena.

«Questo campionato italiano –vuole sottolineare Alfio– lo dedico soprattutto a mio papà, che sicuramente da Lassù mi guarda e mi illumina il percorso di gara. Ciao pa’… tranquillo, ce l’abbiamo fatta».

Le prossime tappe? C’è la “Coppa nissena”, domenica prossima. E poi, per concludere, Crispi andrà alla finale del Trofeo italiano della montagna, ad Orvieto, il 24 di ottobre.

E il pensiero va già al prossimo anno: «Siamo messi bene per il 2022 –specifica Crispi– questo è quello che conta, con Nunzio Farinato abbiamo trovato un setup che ci permette di scaricare la cavalleria del motore preparato dal Maestro Peppino Ciarcelluti. Lui non si arrende e ha già pronta una sorpresa per il prossimo anno. Nell’attesa non mi resta che ringraziare il mio fedelissimo Alfredo Persiano. Senza di lui non saprei come fare, instancabile come sempre. Ringrazio il mio team che mi supporta come sempre… Pippo Monaco, Giuseppe Leanza, Fortunato Scarvaglieri, Luigi Aricò. Ringrazio la mia scuderia, che mi ha supportato, la Catania Corse. E poi la mia famiglia, mia moglie e le mie figlie, che mi seguono nelle dirette, tifando come allo stadio».

Alfio Crispi, nel 2018 ho vinto il Trofeo italiano della montagna di classe E1 Italia 1400. L’anno successivo ha vinto il Campionato italiano di classe E1 400. Nel 2021 il Campionato italiano di classe E1 Italia 1400. Per l’anno prossimo si valuterà se rimanere in “1400” o passare al “1600”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fuori città

Il barber Peppe Diolosà, un pezzo di Biancavilla al Mondiale di Parigi

Campionato in Francia tra i migliori acconciatori: ai piedi della Torre Eiffel sventola il Tricolore

Pubblicato

il

Un nuovo traguardo raggiunto, un nuovo trofeo da aggiungere alla ricca collezione. La rappresentanza “Fiam Italia” ha partecipato e vinto la prestigiosa Coppa del mondo 2022 a Parigi.

Della Federazione Italiana Acconciatori Misti fa parte pure il barber biancavillese Giuseppe “Peppe” Diolosà, che non ha fatto mancare al team il suo supporto, forte dell’esperienza accumulata in tanti anni di lavoro sul campo.

«Sono stati due giorni intensi ed emozionanti, frutto di tanto duro lavoro», sottolinea la squadra che ha gareggiato contro i migliori del mondo. Una squadra composta da Luigi Forrestiero, presidente Fiam Italia, Pasquale Mincione, direttore generale Fiam, e Mario Piccinino, allenatore coach. Tutti -nell’immancabile foto di rito- ai piedi della Torre Eiifel a mostrare il trofeo, sbentolando i colori della bandiera italiana.

Un traguardo che vede coinvolta anche Biancavilla con la presenza di Giuseppe Diolosà, il parrucchiere di via dei Mandorli, noto per essersi già distinto in campionati nazionali ed internazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili