Connettiti con

News

Covid-19, muore donna di Biancavilla ricoverata all’ospedale “Umberto I” di Enna

A poche ore da quello di un uomo di 59 anni, Biancavilla registra un altro decesso di una persona contagiata

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

C’è una seconda vittima a Biancavilla per l’infezione e la grave polmonite causata dal coronavirus. È una donna di 55 anni, che si trovava ricoverata all’ospedale “Umberto I” di Enna, dopo essere stata trasferita il 23 marzo dall’oasi di Troina, dove si trovava per patologie pregresse. Nonostante le terapie, le sue condizioni hanno avuto un peggioramento e non ce l’ha fatta.

Come si sa, nella struttura di Troina è in atto un vero e proprio focolaio, che ha fatto balzare in alto le statistiche della provincia di Enna: solo all’oasi 157 temponi risultati positivi su 376 effettuati.

La morte della donna avvenuta ad Enna (anticipata dal solito tamtam di messaggi sui social) viene confermata ora da fonti sanitarie qualificate e per questo ne diamo notizia.

Risale a meno di 24 ore fa il primo decesso, a seguito di infezione e polmonite dovuto al contagio da coronavirus, quello di un biancavillese di 59 anni avvenuto al “Garibaldi centro” di Catania.

«Nel giro di poche ore ci siamo ritrovati a piangere la scomparsa di due nostri concittadini a causa del virus. Si resta impotenti e inermi. Persone, nostri cari, che non ci sono più ed ai quali -interviene il sindaco Antonio Bonanno- non potrà nemmeno essere accordato la possibilità di celebrare il funerale come ultimo ed estremo saluto. Li accompagno dentro di me, con il pensiero. Convinto che questa battaglia dobbiamo vincerla anche per chi non c’è più».

I dati a disposizione dell’Asp di Catania segnano ancora quattro persone (due uomini e due donne) risultate positive al tampone: stanno osservando il periodo di quarantena a casa, assieme ai loro familiari, così come previsto dai protocolli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili