Connettiti con

In città

Presepi e scorci di Biancavilla nella mostra allestita a Villa delle Favare

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

La rappresentazione della Sacra famiglia e della Natività lasciata alla creatività artistica, ma senza stravolgere la tradizione. A Villa delle Favare, una ventina di presepi, di diversa fattura e varie dimensioni, sono in bella mostra (e lo saranno fino all’Epifania, quando si terrà un concerto dell’orchestra di fiati “Toscanini”), grazie all’organizzazione della Pro Loco di Biancavilla ed il Circolo San Placido con il patrocinio del Comune.

In un gioco armonioso di luci, colori e prospettive, ogni proposta artistica mostra qualità e bellezza, pur nella differenza tra le creazioni amatoriale e quelle affidate a maestri d’arte.

Espongono Giusi Bonanno, Alessandro Arcoria, Francesca Lanaia, Placido Lavenia, ma anche l’Arciconfraternita del Rosario, l’Opera Cenacolo Cristo Re, l’associazione Attivamente, il centro culturale San Nicolò Politi e l’associazione Ricominciare.

Presepi secondo tradizione, ma alcuni –calati nella realtà biancavillese– offrono scorci suggestivi del nostro paese, dalla Badia alla chiesa del Rosario, fino all’arco di San Giuseppe. Proprio qui sembra riconoscere, in prospettiva, una sagoma di persona familiare. Ma sì, è proprio lui: padre Placido Brancato. Un omaggio che l’artista, Placido Lavenia, ha voluto tributare all’anziano sacerdote recentemente scomparso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Fu lui a progettarla, ora la rotatoria è intitolata all’ing. Pietro Antonio Furnari

Cerimonia per ricordare il professionista biancavillese scomparso prematuramente a 49 anni

Pubblicato

il

La sua morte improvvisa, all’età di 49 anni, aveva suscitato profonda commozione a Biancavilla, nel gennaio del 2023. L’ingegnere Pietro Antonio Furnari erano un professionista noto ed apprezzato.

Adesso, l’amministrazione comunale ha intitolato in sua memoria la rotatoria di viale Cristoforo Colombo, che era stata progettata proprio dallo stesso Furnari.

Alla cerimonia, oltre al sindaco Antonio Bonanno, hanno preso parte i familiare del professionista: la moglie, i filgi, le due sorelle. Presente anche il deputato europeo Marco Falcone e l’ex sindaco Mario Cantarella.

«Ho sempre ammirato – ha detto il primo cittadino – la dedizione e il garbo dell’ing. Furnari assieme all’amore per la propria città. Lo spazio a lui intitolato ha il valore di un ringraziamento di tutta Biancavilla a un figlio eccellente, la cui parabola umana e professionale è stata troppo breve».

Nella targa in suo ricordo, la scritta: “Ingegnere, persona perbene, esempio di altruismo, onestà e lealtà”.

L’ing. Furnari si era occupato da diverse opere pubbliche per conto di vari enti, non solo in provincia di Catania, ma anche in altre aree località della Sicilia. Tra i progetti seguiti, quelli riguardanti interventi di riqualificazione dei plessi scolastici “Antonio Bruno”, “San Giovanni Bosco” e “Luigi Sturzo” a Biancavilla. Sempre nella sua città d’origine, ha seguiti i progetti di consolidamenti delle chiese “Sacro Cuore” e “Santa Maria dell’Idria” dopo i danni subìti dal terremoto dell’ottobre 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti