Connettiti con

Scuola

Ridurre e riciclare i rifiuti, settimana di iniziative all’Istituto “Bruno”

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

Ciclo di appuntamenti, a Biancavilla, nella “Settimana europea per la riduzione dei rifiuti”. Il centro etneo, che negli ultimissimi mesi, ha fatto registrare un balzo in alto nella raccolta differenziata, arrivando a sfiorare quota 65% (contro una media del 44% riferita allo scorso anno), vuole incentivare una cultura di rispetto ambientale. Cultura che contrasti l’inciviltà diffusa e l’abbandono dei rifiuti.

In questa ottica si inserisce l’azione dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, che per tutta questa settimana propone una serie di attività didattiche e di sensibilizzazione, anche con il coinvolgimento dell’associazionismo locale, come i volontari della Gepa, gruppo guidato da Dino Petralia.

Apertura con dibattito, proiezioni di video, esposizioni di manufatti, laboratorio di riciclo creativo e persino l’esibizione dell’orchestra con strumenti di materiali di recupero. Prevista la pulizia dell’area verde interna all’istituto. Poi “Festa degli alberi” con canti, poesie e coreografie, oltre alla piantumazione di arbusti con l’intervento dell’Associazione nazionale Giacche verdi. Fino a venerdì, poi, alunni impegnati a realizzare manufatti “riciclati”.

Coinvolto pure il 2° Circolo didattico. A curare i vari progetti, gli insegnanti Valeria Neri, Daniela Calenduccia, Francesca Rapisarda, Anna Rapisarda, Antonio Fiore e Alfredo Quattrocchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Centrato un altro finanziamento: per due scuole di Biancavilla 700mila euro

Fondi del ministero dell’Istruzione ottenuti dal Comune per le palestre della “Sturzo” e della “Don Bosco”

Pubblicato

il

Sono stati dichiarati ammissibili a finanziamento i due progetti presentati dal Comune di Biancavilla al Ministero dell’Istruzione per la riqualificazione delle palestre delle scuole “Sturzo” e “Don Bosco”. Nell’elenco dei progetti “ammissibili”, i due che riguardano la città di Biancavilla sono rispettivamente al 4° e al 38°posto. Si tratta di 700mila euro complessivi – 350 per ciascun intervento – che daranno un volto nuovo alle due strutture sportive.

Si tratta di interventi di riqualificazione e messa in sicurezza. Nelle due palestre, pertanto, sarà sostituito il tappeto calpestabile e sostituiti tutti gli infissi che non garantiscono un’adeguata impermeabilizzazione.

«Con 350mila euro a disposizione per ogni palestra – spiega l’assessore Luigi D’Asero – daremo priorità agli interventi più urgenti. Rimetteremo a nuovo le strutture che garantiscono ai bambini e ai ragazzi delle scuole l’accesso allo sport».

«Una volta ricevuto l’ok definitivo dal Ministero – prosegue il sindaco Antonio Bonanno – la mia amministrazione provvederà, quindi, a stilare un elenco dettagliato degli interventi previsti. Da sottolineare il grande lavoro dei tecnici e degli uffici comunali che si occupano di edilizia scolastica. In poco tempo sono riusciti a redigere degli studi di fattibilità che adesso, con il via libera del Ministero dell’Istruzione, si tradurranno in progetti per il miglioramento di due palestre scolastiche».

«È apprezzabile, e lo ringrazio per questo, il grande lavoro di coordinamento portato a termine dall’assessore D’Asero. La notizia che altri 700mila euro arrivino alla città di Biancavilla –conclude Bonanno– conferma, infine, per l’ennesima volta la bontà del lavoro di tutta la squadra amministrativa nel sapere attrarre investimenti per il territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili