Connettiti con

News

Solo interventi di consolidamento: la “Batia” resterà un rudere

Pubblicato

il

di Alessandro Rapisarda

Non si tratta di una ricostruzione, ma di un puntellamento più accurato che consentirà di mettere in sicurezza il rudere e lo spazio circostante. La chiesa della Batia di Biancavilla sarà interessata da specifici lavori a partire da giorno 16 gennaio, come conferma a Biancavilla Oggi, padre Giovambattista Zappalà, parroco dell’Annunziata, da cui dipende la Batia.

L’edificio sacro, ridotto alle sole mura perimetrali, abbandonato da decenni, era stato interessato da ulteriori crolli esattamente un anno fa. Una parte di una parete aveva ceduto, fortunatamente senza danni alle persone. Non sono mancati i timori, a maggior ragione per la presenza di una scuola materna attigua all’immobile sacro.

LEGGI L’ARTICOLO

Cronaca di un crollo annunciato: in briciole una parete della Batia

È di questi giorni la notizia che la Sovraintendenza ai Beni culturali ed Ambientali di Catania avvierà le opere di consolidamento di ciò che resta della struttura, la cui facciata si presenta con un puntellamento in legno, precario e provvisorio.

Amaro in bocca per chi sperava in un recupero totale di un edificio storico-architettonico, inserito nel centro storico biancavillese.

La ricostruzione era stata promessa dal Comune, che sette anni fa aveva siglato un patto con l’Arcidiocesi di Catania per trasformare la Batia in un centro culturale. Annunci a favore di telecamera che non hanno avuto alcun seguito.

I primi interventi di emergenza per la messa in sicurezza, dopo il crollo del 2016, si devono, piuttosto, a padre Zappalà, premuratosi a chiamare una ditta. A breve, questi ulteriori interventi della Sovrintendenza. Ma la Batia rudere è e rudere resterà.

Gli effetti del crollo verificatosi un anno fa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili