Connettiti con

Scuola

Concorso di Libera, don Ciotti premia il murales della 3a C al “Marconi”

Pubblicato

il

murales-plesso-marconi

Podio nazionale per gli alunni biancavillesi della scuola diretta dal prof. Mario Amato, grazie al recupero di un angolo del loro cortile. A settembre cerimonia a Roma.

 

di Vittorio Fiorenza

L’anno scolastico si è chiuso, ma si sa già che il prossimo si aprirà con una premiazione certa per il Primo circolo didattico di Biancavilla, diretto dal prof. Mario Amato.

La 3 C del plesso “Guglielmo Marconi” è fra i tre finalisti tra le scuole primarie (assieme ad un istituto di Roma e uno di Andria) del concorso nazionale “Regoliamoci – EcoCentrico”, indetto dall’associazione Libera e dal ministero della Pubblica Istruzione. Sarà don Luigi Ciotti a consegnare il premio a Roma in una cerimonia prevista per il mese di settembre.

Come aveva già raccontato Biancavilla Oggi, i piccoli alunni biancavillesi hanno partecipato al concorso con un proprio progetto “Stiamo al… verde”, attraverso il quale un angolo del cortile della scuola è stato sistemato e valorizzato con la realizzazione di un murales e la presenza di elementi floreali e vegetali.

don-luigi-ciotti

Don Luigi Ciotti di “Libera”

Sono stati gli alunni, con l’aiuto dei genitori, ed il coordinamento didattico dell’insegnante Fina Greco assieme ai colleghi Rosaria Schillaci e Salvo Saitta, ad abbellire lo spazio interno del loro istituto. Talmente bravi da essere arrivati al podio nazionale.

L’obiettivo è stato quello –sottolinea la maestra Fina Greco– di far riflettere i bambini sul tema della tutela dell’ambiente, intesa non in una semplice accezione di tipo ecologista, ma come cura degli spazi nei quali tutti noi viviamo. Elaborare dunque un percorso di rispetto, di miglioramento e di tutela degli spazi scolastici all’insegna del verde, in modo da stimolare negli alunni atteggiamenti di responsabilità nei confronti dell’ambiente».

Questi gli alunni partecipanti al progetto: Diletta Arcoria, Marianna Barbara, Pasquale Cantarella, Gaia Di Palma, Placido Falcone, Noemi Furneri, Alessia Pia Gallina, Biagio Galvagno, Davide Greco, Alessia Lavenia, Giulia Lavenia, Alessandra Mauro, Rebecca Mazzaglia, Raffaele Nicotra, Maria Pappalardo, Rossana Pastanella, Giorgia Petralia, Ivan Pulvirenti, Giuseppe Rapisarda, Francesco Romano, Vincenzo Salvà, Salvatore Santangelo, Dario Todero.

murale-plesso-marconi-realizzato-da-alunni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Alunno positivo al virus, in quarantena una classe della “Antonio Bruno”

Provvedimento di routine applicato all’Istituto comprensivo per arginare la diffusione Covid

Pubblicato

il

Un alunno è risultato positivo al virus e la sua classe è finita in quarantena. Un atto di prevenzione, come da protocollo. È successo all’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”.

Il provvedimento è stato adottato a pochi giorni dalla riapertura delle scuole a Biancavilla (quelle fino alla prima media), dopo lo stop imposto con ordinanza dal presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci.

La tempistica con cui è emersa l’infezione all’alunno, quindi, lascia ampiamente supporre che il contagio sia avvenuto prima del nuovo avvio dell’attività didattica in presenza.

Ad ogni modo è stato applicato un protocollo ormai noto e sperimentato fin da settembre nelle scuole biancavillesi. Scuole che periodicamente si sono ritrovate con alunni contagiati e con la necessità di isolare compagni di classe ed insegnanti, nel tentativo di arginare la diffusione del virus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili