Connettiti con

In città

Traguardo del “Giro” in diretta Rai, scuole chiuse a mezzogiorno

Pubblicato

il

giro-italia-2016

Biancavilla è stata scelta come città che ospiterà uno dei due “traguardi volanti” della quarta tappa del Giro d’Italia che il 9 maggio partirà da Cefalù e si concluderà al Rifugio Sapienza, per un percorso complessivo di 181 chilometri.

Si tratta di un riconoscimento prestigioso, nel centenario del Giro d’Italia, per quel lungo legame tra la città e il ciclismo professionistico: tra gli anni Ottanta e Novanta, Biancavilla ha visto sfilare campioni di fama internazionale, grazie alle iniziative portate avanti dal biancavillese Alfredo Greco che è stato tra i componenti della Commissione tecnica per i Mondiali di Sicilia del 1994, insieme a Mauro Vegni, oggi direttore del Giro. Tra i campioni passati per le strade di Biancavilla: la maglia rosa Francesco Moser e il suo rivale Giuseppe Saronni, anche lui maglia rosa, il “professore” Laurent Fignon, il campione del mondo di ciclismo su strada Moreno Argentin e ancora Claudio Chiappucci, Maurizio Rossi, Bruno Leali.

Questa mattina, al Palazzo comunale, si è svolta una riunione operativa per fare il punto sugli accorgimenti tecnici che si stanno attuando per l’accoglienza della carovana che, alle ore 14, si fermerà in piazza Roma, tra le poche piazze dei Comuni interessati dal Giro.

I corridori attraverseranno viale Dei Fiori, via Vittorio Emanuele per raggiungere piazza Roma dove ci sarà il traguardo volante che premierà chi transita per primo con uno scarto di tre secondi sul traguardo finale. Poi, si procederà per via Umberto, i ciclisti attraverseranno viale Europa e saliranno da via Giacomo Matteotti per immettersi nuovamente su via Vittorio Emanuele, proseguire per via Arti e Mestieri e raggiungere Santa Maria di Licodia. Il passaggio a Biancavilla è previsto tra le 15.45 e le 16.15 e, con ogni probabilità, andrà in onda, in diretta, su Rai 2 e su Rai Sport.

Per l’assessore allo Sport, Vincenzo Chisari, si tratta di «un importante momento di festa come solo lo sport sa fare. Abbiamo ritenuto di dover attuare una serie di accorgimento per consentire a tutti i biancavillesi di poter seguire questo momento. Per scongiurare problemi di ordine pubblico, si è ritenuto necessario procedere alla chiusura anticipata delle scuole alle ore 12, mentre abbiamo coinvolto le associazioni di volontariato che daranno una mano fattiva durante tutto il percorso».

Sul fronte della viabilità, diversi interventi riguarderanno i punti centrali del tragitto, così come anche verranno attuate delle precauzioni per i pellegrini che, come da tradizione, intendono raggiungere a piedi Trecastagni per la festa dei santi Alfio, Filadelfo e Cirino.

«Con i vigili urbani, abbiamo concordato –specifica l’assessore alla Viabilità, Vincenzo Mignemi– la chiusura al traffico veicolare a partire dalle ore 14.30 e fino alla conclusione della manifestazione prevista per le ore 17. Invitiamo anche i pellegrini a fare attenzione, in particolar modo nella parte di via Arti e Mestieri, ricordando che la strada sarà chiusa anche per i pedoni nelle fasi propedeutiche al passaggio dei corridori».

All’incontro di oggi hanno partecipato anche il sindaco Giuseppe Glorioso, il comandante dei Vigili urbani Vincenzo Lanaia e il funzionario Salvatore Leonardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

A 30 anni dalla strage mafiosa di Capaci, Biancavilla non dimentica

Inaugurato un murale di Placido Lavenia con l’immagine simbolo di Falcone e Borsellino

Pubblicato

il

Biancavilla ha celebrato il 30° anniversario della strage mafiosa di Capaci. Lo ha fatto con il coinvolgimento degli alunni delle scuole cittadine con cartelloni e slogan. Il ricordo di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli uomini della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, ha visto in prima linea i vertici istituzionali.

A fianco al sindaco Antonio Bonanno, anche il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, e il comandante della stazione dei carabinieri di Biancavilla, maresciallo Fabrizio Gatta.

«Vogliamo ‘creare’ –ha detto il sindaco Bonanno– la memoria in quanti non erano nati nel 1992 per testimoniare della grandezza di uomini che hanno difeso la legalità nel nostro Paese a costo della vita. E con le armi del diritto, l’Italia intera ha saputo reagire dopo il periodo buio delle stragi».

Diversi momenti hanno caratterizzato la mattinata di iniziative. In via Benedetto Croce è stato inaugurato un murale, realizzato da Placido Lavenia, che riprende la foto famosa di Falcone e Borsellino che sorridono insieme. “Gli uomini passano, le idee restano”, recita la scritta a fianco.

«L’opera -spiega Lavenia- è stata realizzata volutamente con i tratti del fumetto. Ho pensato a Falcone e Borsellino come due supereroi da far apprezzare ai nostri ragazzi per i loro poteri eccezionali. Personaggi con i “costumi” della toga di magistrato e la forza delle ali della libertà. Supereroi dal cuore che batteva grazie alle loro idee e che continua a battere d’amore per la nostra terra di Sicilia».

A Villa delle Favare, infine, si sono esibiti i ragazzi dell’Orchestra della scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili