Connettiti con

News

Il “rito” inaugurale di viale dei Fiori, ora altri lavori fino a piazza Sgriccio

Pubblicato

il

inaugurazione-viale-dei-fiori

di Vittorio Fiorenza

I lavori di sistemazione di viale dei Fiori si erano di fatto conclusi lo scorso inverno, la consegna dell’opera con la cerimonia del taglio del nastro è stata allestita stamattina in coincidenza della rotatoria, quasi al confine con il territorio di Adrano. Dal finanziamento di 1 milione e 550mila euro assegnato dal governo regionale alla formale inaugurazione dell’opera sono passati sei anni.

La messa in sicurezza ha riguardato un tratto di un chilometro con un intervento del Dipartimento regionale della protezione civile, che ha individuato questa arteria come “via di fuga”, strategica per la viabilità in casi di emergenza. A partire dall’incrocio con via Paternò, sono stati realizzati i marciapiedi, sono stati rimossi pericoli ed ostacoli per la circolazione, è stato rinnovato l’intero impianto di pubblica illuminazione e di segnaletica orizzontale e verticale, oltre a sistemare i muretti di contenimento della strada.

In ultimo è stata realizzata la rotatoria, insieme ad alcune aiuole, all’incrocio con via Dei Pini e fino al confine con il territorio di Adrano, per eliminare alcuni pericoli legati ad una curva, in passato causa di incidenti stradali. All’appuntamento inaugurale hanno preso parte l’ing. Giovanni Spampinato del Dipartimento regionale di Protezione civile ed il sindaco Giuseppe Glorioso, assieme a tecnici, progettisti ed assessori.

Nei prossimi mesi, ulteriori interventi, con fondi comunali, sono previsti nel tratto di viale dei Fiori compreso la grotta di Sberno e piazza Sgriccio. La relativa gara d’appalto è stata espletata. In programma, il completo rifacimento del manto stradale, l’installazione di semafori a chiamata ed il potenziamento dell’impianto di pubblica illuminazione, specialmente in piazza Sgriccio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Impennata Covid, a Biancavilla il 30% di casi in più negli ultimi 15 giorni

Sono 183 i biancavillesi con positività al virus: +32 “nuovi ingressi” registrati in due settimane

Pubblicato

il

Non se ne parla, i “bollettini” hanno interrotto la loro periodicità. Ma il Covid non arretra. Anzi, secondo gli ultimi dati verificati da Biancavilla Oggi, nella nostra città c’è –in linea con il trend nazionale– un aumento dei nuovi casi.

Se confrontiamo le statistiche delle ultime due settimane, l’incremento dell’incidenza della positività al coronavirus è balzata di circa il 30%. Se 15 giorni fa, le persone positive a Biancavilla erano un centinaio, adesso quelle registrate sono 183. Nello specifico, i “nuovi ingressi” sono 32, quindi circa il 30% in più rispetto a due settimane fa.

Un salto non indifferente. Ma il dato –riferito al quadro offerto dall’Asp di Catania e dalla struttura commissariale Covid– è da ritenere sottostimato. C’è una realtà sommersa. A causa dei test che si fanno a casa, tanti casi di positività non vengono comunicati ufficialmente o arrivano alle autorità sanitarie con ritardo.

Da qui, la necessità della prevenzione e delle accortezze da seguire quando si frequentano luoghi pubblici. E per chi rientra nel target di età o di “fragili” condizioni di salute, l’opportunità della quarta dose del vaccino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili