Connettiti con

In città

“Stracittadina” con 360 partecipanti tra viale Europa e via Filippo Turati

Pubblicato

il

stracittadina-seconda-edizione2

Kermesse sportiva organizzata dalla Asd “Sport Etna Outdor” che ha animato la mattinata del quartiere sud di Biancavilla. La gara competitiva valevole come seconda tappa del Grand Prix provinciale della Fidal.

 

di Vittorio Fiorenza

Una gara che ha visto la partecipazione di 160 atleti tesserati Fidal e quasi 200 tra ragazzi, bambini e persino intere famiglie ed anziani che hanno voluto correre, senza intenti competitivi, ma per il piacere di passare una mattinata insieme.

È stato un successo la seconda edizione della “Stracittadina” di Biancavilla, la kermesse sportiva organizzata dall’Asd “Sport Etna Outdoor” di Adrano, società di atletica leggera che ha tracciato il percorso di gara tra viale Europa, via Filippo Turati e vie limitrofe.

La competizione è stata valevole come seconda tappa del Grand Prix provinciale della Fidal, categoria senior.

Questa la classifica assoluta uomini:
1) Luca Stagno (Etnatletica San Pietro Clarenza).
2) Alfio Scalisi (ASD Podistica Messina).
3) Gianluca Bruno (Atletica Misterbianco Sport Cl).

Questa la classifica assoluta per le donne:
1) Patrizia Strazzeri (Atletica Fortitudo Catania).
2) Santa Saitta (Atletica Firtitudo Catania).
3) Francesca Grigorio (ASD Sport Etna outdoor Adrano).

«La risposta del quartiere è stata sbalorditiva –spiega a Biancavilla Oggi Francesca Grigorio, atleta ed organizzatrice dell’evento– perché c’è stata un coinvolgimento spontaneo ed attivo da parte degli abitanti, alcuni dei quali hanno messo a disposizione tavoli con bottigliette d’acqua. In centro si è più avvezzi ad assistere a questi eventi, ecco perché avere spostato la gara nella zona di viale Europa è servito anche ad animare l’intero quartiere».

«Altro aspetto da sottolineare –aggiunge Grigorio– è la partecipazione dei soci dell’associazione “Insieme” accompagnati dai relativi operatori, che hanno mostrato grande tenacia nonostante il caldo».

Coinvolte pure l’associazione Voi (Volontari ospedalieri italiani), la Croce Rossa e l’associazione Gepa. Il Comune ha dato un contributo per l’iscrizione della gara.

stracittadina-seconda-edizione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Fu lui a progettarla, ora la rotatoria è intitolata all’ing. Pietro Antonio Furnari

Cerimonia per ricordare il professionista biancavillese scomparso prematuramente a 49 anni

Pubblicato

il

La sua morte improvvisa, all’età di 49 anni, aveva suscitato profonda commozione a Biancavilla, nel gennaio del 2023. L’ingegnere Pietro Antonio Furnari erano un professionista noto ed apprezzato.

Adesso, l’amministrazione comunale ha intitolato in sua memoria la rotatoria di viale Cristoforo Colombo, che era stata progettata proprio dallo stesso Furnari.

Alla cerimonia, oltre al sindaco Antonio Bonanno, hanno preso parte i familiare del professionista: la moglie, i filgi, le due sorelle. Presente anche il deputato europeo Marco Falcone e l’ex sindaco Mario Cantarella.

«Ho sempre ammirato – ha detto il primo cittadino – la dedizione e il garbo dell’ing. Furnari assieme all’amore per la propria città. Lo spazio a lui intitolato ha il valore di un ringraziamento di tutta Biancavilla a un figlio eccellente, la cui parabola umana e professionale è stata troppo breve».

Nella targa in suo ricordo, la scritta: “Ingegnere, persona perbene, esempio di altruismo, onestà e lealtà”.

L’ing. Furnari si era occupato da diverse opere pubbliche per conto di vari enti, non solo in provincia di Catania, ma anche in altre aree località della Sicilia. Tra i progetti seguiti, quelli riguardanti interventi di riqualificazione dei plessi scolastici “Antonio Bruno”, “San Giovanni Bosco” e “Luigi Sturzo” a Biancavilla. Sempre nella sua città d’origine, ha seguiti i progetti di consolidamenti delle chiese “Sacro Cuore” e “Santa Maria dell’Idria” dopo i danni subìti dal terremoto dell’ottobre 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti