Connettiti con

In città

L’associazione “Luigi Sturzo” apre la “Settimana del libro” in due scuole

Pubblicato

il

settimana-del-libro-istituto-branchina

Quiz e flash mob. Primi appuntamenti del programma con il coinvolgimento degli istituti “Maria Ausiliatrice” di Biancavilla e “Pietro Branchina” di Adrano.

 

Al via la seconda edizione della “Settimana del libro” di Biancavilla e Adrano promossa dall’associazione biancavillese “Luigi Sturzo”, in collaborazione con le scuole medie, elementari e superiori presenti sul territorio, Penelope Sicilia, CUS Catania, Ricominciare, Leo Club, convento San Francesco di Biancavilla e Etnawild.

►LEGGI IL PROGRAMMA

Ad aprire la manifestazione sono stati i ragazzi della quinta elementare dell’Istituto “Maria Ausiliatrice” di Biancavilla.  Gli alunni insieme all’insegnante Bella Maria e ai volontari dell’associazione “Sturzo” hanno dato via al primo flash mob book della giornata, pronunciando la frase “I libri sono come la mente: funzionano solo se li apri”.

I ragazzi delle quarte e quinte classi dell’Istituto Tecnico “Pietro Branchina” di Adrano, invece, si sono sfidati al gioco “Quizza il libro”, quiz a premi organizzato dall’associazione Sturzo con l’animazione di Yvii party.

Dopo tre durissime manche. ad aggiudicarsi i premi messi in palio sono state le squadre: Arrobs, Nsdap, I dottori e I magnifico. Presenti al via al gioco il dirigente scolastico Giuseppina Furnari e il prof. Salvatore Petralia.

I premi ai vincitori e i gadget per tutti i partecipanti saranno consegnati il 4 maggio nel corso del primo appuntamento di “Stilografiche di primavera” che vedrà la partecipazione del prof Alfio Cazzetta, che illustrerà il suo ultimo libro “La resistenza negli sport individuali e di squadra” con la presenza di Luca Di Mauro, presidente del CUS Catania, e del prof. Ignazio Russo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Riconoscimento al dott. Calaciura per il suo impegno nella sanità

Targa consegnata al medico biancavillese in occasione di un incontro del Lions club

Pubblicato

il

Si è distinto per «il suo impegno sanitario svolto con disponibilità e competenza a favore della Comunità». Sono queste le motivazioni del riconoscimento dato al dott. Giuseppe Calaciura, medico biancavillese, già direttore generale dell’Asp di Catania. Al dott. Calaciura consegnata una targa, in occasione di incontro sulla Sanità, organizzato dal Lions Club Adrano Bronte Biancavilla, presieduto da Graziella Portale.

Le motivazioni che hanno spinto i soci dell’associazione a questo riconoscimento sono state enunciate dal past president Giosuè Greco, promotore dell’evento assieme a Salvuccio Furnari, che ha moderato l’incontro.

Il confronto si è svolto nella sala consiliare di Biancavilla. Tanti gli operatori sanitari e cittadini, che hanno apprezzato il gesto del Lions verso l’autorevole personalità biancavillese.

L’incontro si è incentrato sul tema “Sanità pubblica e privata, un’integrazione possibile?”. Sono intervenuti il direttore sanitario dell’Asp CT, Antonino Rapisarda, e il presidente regionale Aceres, Michele Sciuto.

Evidenziate le cause delle criticità in atto: le lunghe liste di attesa, le dimissioni e la carenza di personale. Ma anche i sovraffollamenti nei Pronto Soccorsi.

Espresso l’auspicio di una revisione della rete ospedaliera e della medicina territoriale. L’intento è dare seguito alle disposizioni che stanno maturando in ambito regionale per una proficua collaborazione tra Pubblico e Privato. Ne trarrebbero benefici i cittadini bisognosi di cure sanitarie e garantire il diritto costituzionale alla salute.

Presenti il sindaco Antonio Bonanno, il presidente del Consiglio Comunale Gianluigi D’Asero, il presidente di zona Lions, Dino Distefano, il dirigente Asp Franco Luca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti