Connettiti con

In città

Sbarchi di migranti e “angioletti neri” nei due libri di Roberto Rapisarda

Pubblicato

il

maresciallo-rapisarda-in-africa

Roberto Rapisarda in uno dei suoi viaggi in Africa

“Vite anNegate” e “Mbweni”: presentazione, giovedì 17, a Villa delle Favare, dei volumi scritti dal comandante della stazione dei carabinieri per “Armando Siciliano Editore”.

 

di Vittorio Fiorenza

Oltre la divisa del militare, c’è la passione per la scrittura, declinata con l’impegno sociale e la sensibilità per la solidarietà. Roberto Rapisarda, comandante della stazione dei carabinieri di Biancavilla, presenta due suoi libri (pubblicati da Armando Siciliano Editore), che hanno già ricevuto premi ed apprezzamento dei lettori.

“Vite anNegate” affronta l’attualissimo e drammatico fenomeno immigratorio e nasce dall’esperienza maturata da Rapisarda nell’isola di Lampedusa.

“Mbweni: il villaggio della gioia dove vivono gli angioletti neri” è un diario di viaggio in Tanzania

L’appuntamento è a Villa delle Favare, giovedì 17 dicembre alle ore 18.30. Oltre all’autore e all’editore, interverranno Enrico Ferro, Fiammetta Altadonna e Angelo Vecchio Ruggeri.

Durante la presentazione saranno proiettati video e gallery fotografiche sugli sbarchi a Lampedusa.

Per espressa volontà del mar. Rapisarda, il ricavato della vendita dei due volumi sarà devoluto ai bambini della Guinea Bissau ed in particolare per quelli di Bula, attraverso i volontari di “Amici delle missioni”, associazione di volontariato della diocesi di Caltagirone.

vite-annegate-roberto-rapisarda  mbweni-roberto-rapisarda

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
2 Commenti

2 Commenti

  1. gianfranco galvagno

    13 Dicembre 2015 at 11:56

    Mi spiace non esserci alla presentazione (ammesso che si potesse partecipare); lo trovo un buon esempio di solidarietà e il fatto di essere legato alla realizzazione di un libro, dà uno spunto di cultura della quale c’è tanto bisogno. Gradirei poterli acquistare se si può sapere dove e come.
    Complimenti al Sig. Rapisarda (a prescindere dalla sua figura professionale).

    • Biancavilla Oggi

      13 Dicembre 2015 at 14:14

      In fondo all’articolo ci sono i link per ordinare i libri su Amazon. Acquistando online si ha uno sconto rispetto al prezzo di copertina. Acquistando i due volumi insieme, le spese di spedizione sono gratis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Il carnevale al “Cenacolo”: niente coriandoli ma tanta voglia di cantare

Momento festoso di condivisione tra gli ospiti della comunità terapeutica assistita

Pubblicato

il

Nella Comunità Terapeutica Assistita Cenacolo Cristo Re di Biancavilla, il Carnevale non è passato inosservato. In tutto il mondo a causa, ormai della pandemia tutte le attività carnascialesche sono state sospese per evitare il propagarsi del virus.

Nella struttura, certe occasioni non debbono passare inosservate per gli ospiti che affrontano la quotidianità. E quindi, rimodulando la maniera di vivere la festa, si è approntata un’altra iniziativa per dare la stessa gioiosità ed allegria.

Niente balli comunitari né coriandoli, bensì tante strisce filanti appese ai muri e… voglia di cantare.

È stato intensificato, infatti, il laboratorio musicale nel periodo precedente i classici giorni del carnevale con la selezione di ben nove ospiti che attraverso le loro qualità canore hanno saputo esprimere delle potenzialità da offrire per un momento comunitario e di condivisione.

Gli operatori, in accordo all’equipe, hanno programmato un concorso musicale dove nei giorni di Giovedì Grasso e Martedì di Carnevale gli ospiti si sono esibiti, sottoponendosi non solo agli applausi di tutti i presenti. Ma anche e soprattutto ad una giuria composta da tutte le qualifiche professionali presenti nella comunità e da una rappresentanza dell’utenza.

Un attestato di partecipazione a tutti i concorrenti e medaglie per i primi tre classificati, unitamente a tante squisite “chiacchiere”, hanno arricchito l’evento.

La pandemia non ferma le attività ma, con le dovute cautele e nel rispetto delle regole igienico-sanitarie anti covid, riesce a modulare iniziative che fanno sì che il percorso terapeutico riabilitativo possa comunque continuare per dare risposte di qualità di vita agli assistiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili