Connettiti con

News

«Fluoroedenite ed indennizzi, siamo stati i primi a porre la questione»

Pubblicato

il

vincenzo- cantarella

Vincenzo Cantarella nel corso di un convegno dell’Osservatorio Nazionale Amianto

«Oltre quattro anni fa sono stato il primo a porre la questione dell’equiparazione tra fluoroedenite e amianto, passaggio necessario perché le vittime possano accedere ad aiuti ed indennizzi economici. Prima di allora nessuno aveva pensato a questo aspetto ed ero stato quasi deriso. Adesso apprendiamo con soddisfazione di questo riconoscimento, ovvero la conferma scientifica ufficiale che la fluoroedenite è cancerogena ed equiparabile all’amianto naturale».

A parlare è Vincenzo Cantarella, coordinatore catanese dell’Osservatorio Nazionale Amianto, dopo che da Lione, l’International Agency for Research on Cancer (Iarc) ha riconosciuto il minerale-killer, tipico delle rocce vulcaniche di Biancavilla, per la sua capacità cancerogena.

«Già nell’estate del 2010 –ricorda Vincenzo Cantarella– assieme all’allora presidente del Consiglio Comunale, Nicola Tomasello, abbiamo avuto un incontro ufficiale a Roma con il direttore dell’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro, Umberto Sacerdote, che si impegnò a coinvolgere il ministero della Salute, l’Istituto Superiore di Sanità e la fondazione del prof. Umberto Veronesi per l’avvio dell’iter burocratico-legislativo per “bollare” la fluoroedenite come pericolosa. Un iter ancora da definire, certo è che questa notizia che viene da Lione ci fa compiere un passo avanti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno mandata in frantumi

Distrutta in via Romagnosi la targa intitolata ad una vittima delle foibe nel “Giorno del ricordo”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno (vittima biancavillese delle foibe) è stata frantumata. I pezzi sono a terra, in via Romagnosi. La targa commemorativa era stata affissa, per volere dell’amministrazione comunale, nel luogo i cui aveva abitato Furno, nato nel 1901 e finito nelle foibe nel 1945.

L’affissione della lapide era avvenuta nel “Giorno del ricordo” con la partecipazione di alcuni pronipoti di Furno, che aveva lasciato Biancavilla nel 1933 per andare a fare l’insegnante.

Il sindaco Antonio Bonanno è stato informato dell’accaduto. Il gesto non sarebbe da collegare ad un’azione vandalica. Si sospetta di qualcuno che ha compiuto l’atto in modo sconsiderato, sulla base di segnali che erano stati notati fin dal giorno della cermonia del 10 febbraio.

Da parte del Comune, secondo quanto apprende Biancavilla Oggi, c’è l’impegno da subito a realizzare una nuova targa e ricollocarla nella stessa parete dell’abitazione che fu di Salvatore Furno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili