Connettiti con

News

Ostetricia, l’allarme del primario: «Siamo pochi, partorienti a rischio»

 

Pubblicato

il

L’ingresso del reparto di Ginecologia ed ostetricia dell’ospedale di Biancavilla

di Vittorio Fiorenza

«C’è una grave carenza di personale»: un’insufficienza di oltre il 50% rispetto agli standard. E bisogna fare i conti con ferie, malattie e riposi compensativi. Sos dalle divisioni di Ginecologia e Ostetricia degli ospedali di Biancavilla e Paternò, dove si lavora sotto forte pressione con potenziali conseguenze sulle ricoverate.

Il primario Giuseppe Bonaccorsi, nelle ultime settimane, ha scritto più volte ai vertici amministrativi, sanitari e tecnici dell’Asp. Non semplici richieste di intervento, ma plateali denunce sulle condizioni organizzative e strutturali con «una impossibilità a coprire i turni e mantenere in attività entrambi i punti nascita, con ovvie ripercussioni sulla sicurezza».

Il primario Giuseppe Bonaccorsi

La spia rossa si è accesa in due recenti episodi per complicazioni post-parto con emorragie interne. Due emergenze che hanno messo a dura prova il personale. In questi casi, se non si interviene entro 60 minuti, la possibilità che si consumi una tragedia è altissima. Fortunatamente non è accaduta. Ma fino a quando si può resistere? E se le due emergenze fossero capitate in contemporanea? Interrogativi che, tra le corsie dei due nosocomi, fanno venire la pelle d’oca.

Da qui, i suggerimenti dello stesso Bonaccorsi: «Si propone la riunione del personale in un’unica struttura che comporti sicurezza per le pazienti e il personale medico e ostetrico, attualmente sottoposto ad uno stress lavorativo abnorme che, se dovesse perdurare, potrebbe comportare l’aumento del rischio clinico, con gravi conseguenze per l’utenza e il personale».

Non solo carenza di personale
Nelle missive di Bonaccorsi, anche un’elencazione di altre «criticità esistenti e già segnalate». Su Paternò ricadono le carenze più significative perché, come viene evidenziato, mancano le uscite di sicurezza e le porte antipanico nelle sale degenza, parto e operatoria. Quest’ultima, poi, è quasi sempre occupata dalla Chirurgia generale, «mentre dovrebbe essere sempre disponibile per l’Ostetricia e per le urgenze ostetriche». Gli ambulatori «non consentono un adeguato rispetto della privacy».

A Biancavilla il quadro è meno sconfortante. Ad ogni modo, Bonaccorsi segnala la mancanza di bagni in camera e di una sala d’attesa per i parenti delle ricoverate, mentre i locali riservati alla guardia dei medici sono da migliorare.

Quella proposta da Paternò
Una descrizione, quella del dottore Bonaccorsi, che frenerebbe i desideri che qualche settimana fa erano arrivati con la proposta del “Comitato per… l’ospedale di Paternò”, che, sottolineando le oggettive carenze di personale delle unità operative dei due nosocomi, aveva avanzato l’ipotesi di unificare i punti nascita nella sede del “Santissimo Salvatore”.

In altre parole, chiudere “Ginecologia e ostetricia” dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, che da circa un decennio è diventato un fiore all’occhiello del nosocomio biancavillese, e concentrare reparto e personale unicamente nella struttura di Paternò.

A detta del comitato, quest’ultima sarebbe a norma e per questo dovrebbe essere favorita nella scelta di una eventuale sede unica del punto nascite. A considerare, però, dalla carenze strutturali del dirigente, però, su questo fronte, le criticità maggiori li avrebbe l’ospedale paternese e non quello di Biancavilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

A Biancavilla 9 morti Covid in appena un mese e i contagi volano a quota 250

Riapre il mercato settimanale, il sindaco Bonanno: «Sono fiducioso e dobbiamo incoraggiarci l’un con l’altro»

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

L’undicesima vittima Covid di Biancavilla (da inizio emergenza) è stata registrata all’ospedale di Siracusa. Si tratta di un uomo di 68 anni. In un primo momento era stato ricoverato all’ospedale “Garibaldi” di Catania per patologie pregresse, che lo portavano a sottoporsi a cicli di dialisi. Pur essendo in una struttura sanitaria e pur mantenendo la massima attenzione, il paziente avrebbe contratto il coronavirus. Da qui, i sintomi tipici dell’infezione virale, quindi l’aggravamento delle sue condizioni di salute. Poi, il trasferimento a Siracusa, dove è deceduto a causa delle complicazioni determinate dal virus.  

Fino a questo momento, il coronavirus ha fatto quindi 11 morti a Biancavilla (otto uomini e tre donne). Di questi, 9 si riferiscono al solo mese di novembre. Numeri che danno l’idea del rischio potenziale.

Il quadro generale, fornito dal sindaco Antonio Bonanno, sulla base di dati dell’Asp, indica adesso in 250 il numero complessivo dei biancavillesi contagiati.

«Un dato che – precisa meglio il primo cittadino – si spiega in virtù di quel riallineamento che auspicavo da tempo e che fornisce un quadro finalmente completo ma, tuttavia, aggiornato in eccesso».

«Già, perché va pure detto che in quel numero – ovvero 250 – a quanto pare figurano – sostiene Bonanno – anche tante persone che, per fortuna, sono già guarite: tanti nostri concittadini che, di fatto, hanno già ricevuto la comunicazione di negatività al Covid 19. Nel dato rientrano anche persone risultate positive già qualche settimana fa».

«Sono fiducioso e dobbiamo incoraggiarci l’un con l’altro», auspica il sindaco Bonanno. Che annuncia: «Essendo stata la Sicilia dichiarata Zona Gialla, il Mercato settimanale riapre per intero: vi chiedo solo di evitare in ogni modo qualunque possibile assembramento. Per il resto, non credo occorrano più altri appelli alla responsabilità: ancora una volta, molto dipende da noi».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili