Connettiti con

News

Cappelle confraternali aperte senza limiti orari: «Indossare le mascherine»

Decisione del Coordinamento delle Confraternite biancavillesi, assieme all’amministrazione comunale

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Le cappelle confraternali rimarranno aperte, nel cimitero di Biancavilla, tutti i giorni, a partire dall’11 maggio, senza alcuna limitazione di orari, salvo quelli vigenti per l’intero cimitero. Lo comunica il Coordinamento delle Confraternite biancavillesi.

L’apertura è frutto dell’accordo di collaborazione concluso tra le confraternite, l’amministrazione comunale e le associazioni di volontariato, già impegnate nella sorveglianza interna del Campo Santo.

Le confraternite spiegano, in particolare, che «si è giunti all’apertura delle Cappelle, dopo aver constatato lo spirito di collaborazione e di responsabilità finora dimostrato dai visitatori.  Responsabilità che non dovrà venir meno, in un momento così delicato – quale è quello della “Fase 2” dell’emergenza Coronavirus – in cui servirà rispettare le disposizioni e le regole di condotta stabilità dalle autorità, volte a limitare il rischio contagio».

Dunque, chi vorrà accedere all’interno delle cappelle confraternali, dovrà obbligatoriamente indossare mascherine e guanti monouso, oltre ad evitare assembramenti.  

Le confraternite colgono l’occasione, infine, per ringraziare il sindaco e le associazioni di volontariato (Onlus Protezione Civile Biancavilla Gepa) per la disponibilità e sinergia dimostrate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili