Connettiti con

Pubblicato

il

Sembrano vermi, in realtà sono larve di mosconi. Hanno fatto la loro comparsa, in strada, in via Centamore, a Biancavilla. La segnalazione è dei volontari dell’associazione Gepa, avvertita a sua volta dai residenti.

Gli abitanti della zona si sono allarmati e hanno buttato in strada prodotti in polvere, nel tentativo di farli scomparire.

Resta da capire come le larve siano arrivate fin lì. Di solito, cibandosi di carcasse in putrefazione, appaiono a causa della presenza di animali morti, cosa che non sembra esserci nelle vicinanze.

Possibile, quindi, che qualcuno le abbia gettate in strada di proposito: queste larve, chiamate “bigattino”, sono utilizzate dagli appassionati di pesca come esca o pastura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Il sindaco Bonanno ordina la chiusura di due plessi scolastici a causa dell’Enel

Si tratta dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno” di viale dei Fiori e della struttura di via dei Mandorli

Pubblicato

il

L’Enel comunica nella giornata di martedì 29 novembre l’interruzione dell’energia elettrica in alcuni punti della città di Biancavilla.

Sentiti i dirigenti scolastici alla luce di questa comunicazione, il sindaco Anronio Bonanno ha emesso un’ordinanza che stabilisce per il 29 la chiusura dell’Istituto Comprensivo “A. Bruno” di Viale dei Fiori, e del plesso di Via dei Mandorli.

La chiusura riguarda anche gli uffici amministrativi e coinvolge tutto il personale scolastico, sia docente che ATA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili