Connettiti con

News

Lavori per i danni del terremoto: cantiere da 150mila euro all’Idria

Interventi per 150mila euro, finanziati dalla Conferenza Episcopale Italiana con l’8×1000

Pubblicato

il

Consegna ufficiale dei lavori di consolidamento della chiesa dell’Idria di Biancavilla. L’edificio sacro – come risaputo – è inagibile dal 6 ottobre 2018, a causa del forte sisma di magnitudo 4.6 che proprio a Biancavilla ha avuto il suo epicentro.

La formale cerimonia, avvenuta nello slargo accanto alla chiesa parrocchiale, ha sancito l’avvio delle opere di sistemazione dei danni. Opere che –come aveva già anticipato Biancavilla Oggi– hanno un importo complessivo di 150mila euro: si tratta di finanziamenti erogati dalla Conferenza Episcopale Italiana e dall’Arcidiocesi di Catania, attraverso i fondi dell’8 x 1000 per il restauro dei beni culturali ecclesiastici.

Presenti il vicario foraneo e parroco, don Giovambattista Zappalà, il suo predecessore, padre Salvatore Nicoletti, il sindaco Antonio Bonanno con gli assessore Francesco Privitera ed Enrica Neri.

Assieme a loro, il direttore dell’Ufficio tecnico diocesano, don Carmelo Signorello, e i progettisti, nonché direttori dei lavori, arch. Francesco Anfuso e ing. Pietro Antonio Furnari

Dopo un breve momento di preghiera, i tecnici hanno brevemente illustrato il tipo di lavoro che verrà effettuato nella struttura in questi mesi.

«Il lavoro della chiesa dell’Idria –hanno spiegato a Biancavilla Oggi– consiste nella verifica degli elementi di decoro, nel ripristino della facciata interna, nel restauro del prospetto principale, nella pittura della volta e dei muri e, inoltre, nella ricostruzione dei bassorilievi in gesso».

Dopo l’Epifania, l’inizio effettivo dei lavori (autorizzati dalla Soprintendenza ai Beni culturali ed ambintali di Catania. La data stabilita per la conclusione è il 30 giugno. «Ma noi ci auguriamo di concludere prima», hanno sussurrato i tecnici.

L’impresa esecutrice è la Icob srl di Siracusa, con alle spalle 15 anni di esperienza di restauro e consolidamento di edifici sacri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili