Connettiti con

News

Le “eterne” buste di pipì al mercato, gli abitanti: «Pronti alla protesta»

Pubblicato

il

buste-urine-zona-mercato

di Vittorio Fiorenza

«Siamo disposti a bloccare il mercato perché non è possibile che i venditori lascino le loro “tracce biologiche”». Non ne possono più gli abitanti della zona “mercato” di Biancavilla. Ogni mercoledì, la stessa storia: i venditori, una volta smontate le loro bancarelle, lasciano sgraditissimi “ricordi”: buste piene delle loro urine sui marciapiedi.

Un pessimo spettacolo per i cittadini del quartiere. Un rifiuto “fuori competenza” degli operatori ecologici. Eppure, in tantissime occasioni, i netturbini hanno rimosso le buste per senso di collaborazione e civiltà.

Si tratta di episodi che vanno avanti da oltre un decennio. Di tanto in tanto, vigli urbani e amministrazione comunale fanno la voce grossa, minacciando multe o il ritiro dell’autorizzazione a montare la bancarella. Anche gli operatori ecologici, negli anni, hanno collezionato diversi esposti e segnalazioni protocollati al Comune di Biancavilla ed indirizzate al sindaco e al comando della polizia municipale.

Di fatto, non è cambiato nulla e gli incivili finora l’hanno fatta sempre franca. Ogni mercoledì, buste di pipì lasciate a terra, come documentato con video e foto sia dai cittadini che dai netturbini dell’impresa di raccolta dei rifiuti. A volte, anche buste piene di escrementi.

Da qui, le intenzioni da parte del quartiere di passare ad iniziative clamorose: «Adesso basta, non ne possiamo più, è una situazione indecorosa e intollerabile –lamentano attraverso Biancavilla Oggi– l’amministrazione comunale deve prendere una buona volta dei provvedimenti drastici e rigorosi, non si deve limitare alle promesse, che peraltro non vengono mantenute e, infatti, i venditori continuano a lasciare, indisturbati e con grande strafottenza, le loro porcherie perché sanno che, tanto, non avranno conseguenze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili