Connettiti con

News

Abusivismo, le ruspe a Biancavilla Due demolizioni in zona “Vigne”

Pubblicato

il

casa-abusiva-demolita-via-cellini

L’abbattimento della casa di via Cellini nel 2014

di Vittorio Fiorenza

Riprendono anche in territorio di Biancavilla le demolizioni di immobili abusivi, per i quali sono state emesse sentenze ormai passate in giudicato. Per la prossima settimana sono state programmate, su ordine della Procura della Repubblica di Catania, gli abbattimenti di due edifici ricadenti nella zona C del Parco dell’Etna.

Il primo si trova in zona “Ruvolo grosso”. Si tratta di una costruzione rifinita di 50-60 metri quadrati. Per l’altra, i dettagli si avranno nei prossimi giorni, ma dovrebbe trovarsi nella stessa zona. Sarà presente uno spiegamento di forze dell’ordine.

Gli interventi verranno eseguiti da un’impresa incaricata dalla Procura, visto che i proprietari non hanno optato per l’autodemolizione. Questo significa che su di loro ricadranno i costi dei lavori, che si aggirano sui 10-15mila euro. Il terreno, inoltre, rimarrà acquisito al patrimonio del Parco dell’Etna.

La magistratura catanese procede con decisione alle demolizioni, seppure con una certa lentezza e in maniera selettiva con priorità per gli immobili al di fuori del centro abitato, visti i problemi di ordine pubblico registratisi prima per l’abitazione di via Cellini e poi per il garage di via Canada, a Biancavilla.

La marcia degli abusivi del 2014 verso il Comune 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno mandata in frantumi

Distrutta in via Romagnosi la targa intitolata ad una vittima delle foibe nel “Giorno del ricordo”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno (vittima biancavillese delle foibe) è stata frantumata. I pezzi sono a terra, in via Romagnosi. La targa commemorativa era stata affissa, per volere dell’amministrazione comunale, nel luogo i cui aveva abitato Furno, nato nel 1901 e finito nelle foibe nel 1945.

L’affissione della lapide era avvenuta nel “Giorno del ricordo” con la partecipazione di alcuni pronipoti di Furno, che aveva lasciato Biancavilla nel 1933 per andare a fare l’insegnante.

Il sindaco Antonio Bonanno è stato informato dell’accaduto. Il gesto non sarebbe da collegare ad un’azione vandalica. Si sospetta di qualcuno che ha compiuto l’atto in modo sconsiderato, sulla base di segnali che erano stati notati fin dal giorno della cermonia del 10 febbraio.

Da parte del Comune, secondo quanto apprende Biancavilla Oggi, c’è l’impegno da subito a realizzare una nuova targa e ricollocarla nella stessa parete dell’abitazione che fu di Salvatore Furno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili