Connettiti con

News

Quando l’inciviltà diventa sconcezza: una foto porno buttata in strada

Pubblicato

il

foto-ose-trovata-in-via-vittorio-emanuele

Una foto a contenuto pornografico lasciata in pubblica via. Il livello di inciviltà, a Biancavilla, questa volta, ha travalicato i confini fino a diventare vera e propria sconcezza. Non ci sono altri termini per definire l’episodio segnalatoci da un nostro assiduo lettore.

«Ma è normale trovare certe cose in strada?», si chiede. Senza dovere essere bacchettoni o moralisti, un interrogativo più che lecito. Mentre stava facendo fare una passeggiata al proprio cane, in via Vittorio Emanuele, a poche decine di metri da piazza Sgriccio, si è imbattuto nell’immagine, che pubblichiamo qui ovviamente censurata.

Non un ritaglio di giornale. Ma una vera e propria fotografia. Uno scatto palesemente amatoriale, stile Polaroid, di un uomo nudo.

Chi l’ha buttata, probabilmente, per ragioni incomprensibili, lo ha fatto in maniera intenzionale, visto che con cura è stata strappata la porzione che ritraeva il volto di un tizio, apparentemente di mezza età. Oppure lo scatto, visto il formato, faceva parte di un vecchio e più ampio album privato su giochi erotici casalinghi e –non si capisce come– è poi finito in strada.

Certo è che non si è badato al fatto che quel tratto di marciapiede è molto trafficato. Un comportamento indecente.

Il nostro lettore specifica comunque che appena notata la foto osé, l’ha presa da terra e buttata in un cestino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Covid, eseguito screening a Biancavilla: 33 contagi scoperti in soli due giorni

Attivato tracciamento in tempo reale, il sindaco Bonanno valuta azioni con il commissario Liberti

Pubblicato

il

Si è conclusa la ‘due giorni’ di screening a Biancavilla dedicata alla popolazione scolastica e ai cittadini. Complessivamente, eseguiti 1419 tamponi in modalità “drive-in”. Dai test sono emersi 50 positivi. Sono 33 (di cui 11 studenti) i contagiati riferibili alla città di Biancavilla, 17 quelli dei paesi limitrofi. Il tasso di positività rilevato è del 3,52%.

Attivato un sistema di tracciamento in tempo reale. Tutte le volte che i medici dell’Usca hanno rilevato la positività del soggetto, sono scattati la convocazione e il controllo conseguente della cerchia familiare e di amici venuti a contatto con il positivo.

«Questo ci ha dato –spiega il sindaco Antonio Bonanno– la possibilità di rilevare all’istante la situazione e, probabilmente, ciò ha influito sul numero complessivo dei positivi rilevati».

«Anche stavolta, lo dico con soddisfazione, al Com tutto ha funzionato bene. I medici dell’Usca –sottolinea il primo cittadino– hanno fatto un buon lavoro e hanno goduto dell’assistenza dei volontari della Croce Rossa e della Protezione Civile».

«Esprimo gratitudine –conclude Bonanno– per l’atteggiamento responsabile dei cittadini che ha permesso un monitoraggio importante per il nostro territorio. Con il Commissario anti-Covid Liberti esaminerò i dati per valutare eventuali azioni da adottare nei prossimi giorni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili