Connettiti con

News

“La clericalata della settimana”: Biancavilla vista da Atei ed Agnostici

Pubblicato

il

altare-della-madonna-al-palazzo-comunale

L’altarino dedicato alla Madonna Ausiliatrice sistemato nei portici del palazzo comunale

Il dibattito sulla laicità calpestata che impazza in questi giorni a Biancavilla, dopo la delibera di giunta che destina 345mila euro per contribuire alla costruzione di una nuova chiesa per la parrocchia di “San Salvatore” oltrepassa i confini paesani.

A bacchettare una simile scelta è l’Uaar (l’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti), che inserisce Biancavilla nella rubrica “La clericalata della settimana” presente nel proprio blog: viene riportata la notizia che il Comune contribuirà all’opera.

Nessun commento. Parla già di per sé, l’inserimento della notizia in una rubrica dal nome più che eloquente, nella quale vengono elencate settimanalmente atti e dichiarazioni che secondo l’Uaar contrastano con il principio della separazione della sfera religiosa e della sfera politica.

All’Uaar sono sfuggite altre notizie di provenienza biancavillese: l’ingresso dell’Icona della Madonna dell’Elemosina nella sede comunista oppure la realizzazione di un altarino dedicato alla Madonna Ausiliatrice nei portici del palazzo comunale con relativa celebrazione presso la sede della polizia municipale.

Se atei ed agnostici ne fossero stati a conoscenza, ne siamo certi, avrebbero lanciato un’edizione straordinaria sul primo caso di amministrazione comunale “teocratica” d’Italia. Nemmeno ai tempi del sindaco Uccellatore…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Il gesto di un biancavillese d’adozione: donato un defibrillatore alla città

Il dispositivo elettronico “salva vita” è già stato collocato all’ingresso del palazzo comunale

Pubblicato

il

«Conosco il valore di uno strumento come il defibrillatore. Voglio donarne uno, a titolo personale, alla città che mi ha adottato».

L’ingegnere Giovanni Lau, 39 anni, originario di Misterbianco, ha mantenuto la promessa fatta prima che il virus scombinasse i piani di tutti: donare al Comune di Biancavilla un defibrillatore per metterlo a disposizione della città.

Adesso, nel corso di una cerimonia informale, il dispositivo elettronico è stato consegnato al sindaco Antonio Bonanno. Lau era accompagnato dalla moglie, Marinella Milazzo di Biancavilla.

«È un gesto disinteressato e di grande considerazione nei confronti della nostra città – commenta il sindaco Antonio Bonanno – la sensibilità e la collaborazione dei cittadini sono la conferma che la nostra comunità è viva e solidale».

Il defibrillatore donato è stato già installato all’ingresso del Comune, con l’aiuto dell’assessore Francesco Privitera. È a disposizione di tutta la comunità.

Pochi mesi fa, a Biancavilla, ignoti hanno rubato un defibrillatore posto all’esterno del Circolo Castriota, tra Piazza Roma e via Vittorio Emanuele. «Tra qualche settimana – assicura il consigliere Salvo Pulvirenti, presente alla posa – ne arriverà uno nuovo». Il sindaco lo ha ringraziato per essersi preso cura della sostituzione dello strumento sottratto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili