Connettiti con

In città

Ramadan e momenti di convivialità per la comunità musulmana di Biancavilla

Numerose famiglie, soprattutto provenienti dal Marocco, vivono e lavorano nel nostro paese da anni

Pubblicato

il

È periodo di ramadan e la comunità musulmana di Biancavilla vive i suoi momenti di preghiera e di convivialità. Aperta nel settembre del 2020, la loro moschea è stata intitolata Maryam, ovvero alla Madonna.

Nei locali di via Vittorio Emanuele, vicino al plesso scolastico “Guglielmo Marconi”, gruppi di persone di religione islamica, residenti a Biancavilla, si sono ritrovati in preghiera. Ma non è mancato il momento di condivisione con cibi tradizionali. Poi, una passeggiata fino a piazza Roma con foto ricordo ai piedi della basilica “Maria Santissima dell’Elemosina”.

Presente anche il presidente della Federazione regionale Islamica della Sicilia, Ismail Bouchnafa. Lo stesso che aveva inaugurato il luogo di culto due anni fa, quando vi aveva partecipato pure il vicario foraneo, padre Giovambattista Zappalà, per dare il benvenuto da parte della comunità cattolica locale.

Formata in gran parte da cittadini provenienti dal Marocco, la comunità musulmana di Biancavilla, che si riconosce nella Confederazione Islamica Italiana, conta intere famiglie che qui vivono e lavorano da tempo. Una comunità pacifica e rispettosa che non è mai entrata in conflitto con gli abitanti di Biancavilla.

Lo scorso anno, Biancavilla Oggi era stata ospite nella moschea per documentare riti e preghiere del ramadan. Un’accoglienza calorosa, come è possibile notare dal video che qui sotto riproponiamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Riconoscimento al dott. Calaciura per il suo impegno nella sanità

Targa consegnata al medico biancavillese in occasione di un incontro del Lions club

Pubblicato

il

Si è distinto per «il suo impegno sanitario svolto con disponibilità e competenza a favore della Comunità». Sono queste le motivazioni del riconoscimento dato al dott. Giuseppe Calaciura, medico biancavillese, già direttore generale dell’Asp di Catania. Al dott. Calaciura consegnata una targa, in occasione di incontro sulla Sanità, organizzato dal Lions Club Adrano Bronte Biancavilla, presieduto da Graziella Portale.

Le motivazioni che hanno spinto i soci dell’associazione a questo riconoscimento sono state enunciate dal past president Giosuè Greco, promotore dell’evento assieme a Salvuccio Furnari, che ha moderato l’incontro.

Il confronto si è svolto nella sala consiliare di Biancavilla. Tanti gli operatori sanitari e cittadini, che hanno apprezzato il gesto del Lions verso l’autorevole personalità biancavillese.

L’incontro si è incentrato sul tema “Sanità pubblica e privata, un’integrazione possibile?”. Sono intervenuti il direttore sanitario dell’Asp CT, Antonino Rapisarda, e il presidente regionale Aceres, Michele Sciuto.

Evidenziate le cause delle criticità in atto: le lunghe liste di attesa, le dimissioni e la carenza di personale. Ma anche i sovraffollamenti nei Pronto Soccorsi.

Espresso l’auspicio di una revisione della rete ospedaliera e della medicina territoriale. L’intento è dare seguito alle disposizioni che stanno maturando in ambito regionale per una proficua collaborazione tra Pubblico e Privato. Ne trarrebbero benefici i cittadini bisognosi di cure sanitarie e garantire il diritto costituzionale alla salute.

Presenti il sindaco Antonio Bonanno, il presidente del Consiglio Comunale Gianluigi D’Asero, il presidente di zona Lions, Dino Distefano, il dirigente Asp Franco Luca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti