Connettiti con

News

Nuovi rincari, il pane a Biancavilla è ora 2,80 euro al Kg: +140% in 18 anni

I costi della farina sono alle stelle, così “lievita” pure il listino prezzi di tutti i prodotti da forno

Pubblicato

il

Nelle ultime settimane, il prezzo del pane a Biancavilla –per decisione dei panificatori– ha subito un rincaro di ulteriori 40 centesimi al chilogrammo. Adesso, per 1 kg di pane bisogna sborsare 2,80 euro (ci sono, tuttavia, titolari che sono arrivati a 3 euro).

Si tratta del secondo aumento che si registra in appena sei mesi. Nel settembre 2021, il prezzo era già lievitato da 2 a 2,40 euro. Adesso si tocca quota 2,80.

Già lo scorso anno, i panificatori avevano fatto intendere che l’incremento dei costi avrebbe determinato altri ritocchi. Poi, la guerra in Ucraina e gli effetti sull’approvvigionamento del grano con relativo innalzamento dei costi hanno dato la spinta decisiva.

A cascata, anche i prezzi di tutti i prodotti da forno hanno avuto forti rincari. Un peso che grava parecchio sull’economia delle 8000 famiglie biancavillesi.

Se si fa un riepilogo “storico”, a Biancavilla i panificatori hanno ritoccato i prezzi di vendita nel 2004, poi nel 2014, quindi nel 2021 e in questo inizio 2022, senza potere escludere altri aggiornamenti di listino nei prossimi mesi.

Sta di fatto che dal 2004 ad oggi, i nostri panifici sono passati dalla vendita di pane a 1,20 euro al kg a 2,80. Un rincaro, quindi, di 1,60 euro (cioè quasi +140%) nell’arco di 18 anni.

Le motivazioni dei panificatori sono state sempre legate all’aumento della materia prima, a cominciare dalla farina che ha raggiunto prezzi stellari. Inevitabile, quindi, le conseguenze per i consumatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Il sindaco Bonanno ordina la chiusura di due plessi scolastici a causa dell’Enel

Si tratta dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno” di viale dei Fiori e della struttura di via dei Mandorli

Pubblicato

il

L’Enel comunica nella giornata di martedì 29 novembre l’interruzione dell’energia elettrica in alcuni punti della città di Biancavilla.

Sentiti i dirigenti scolastici alla luce di questa comunicazione, il sindaco Anronio Bonanno ha emesso un’ordinanza che stabilisce per il 29 la chiusura dell’Istituto Comprensivo “A. Bruno” di Viale dei Fiori, e del plesso di Via dei Mandorli.

La chiusura riguarda anche gli uffici amministrativi e coinvolge tutto il personale scolastico, sia docente che ATA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili