18112017GOODNEWS:

Il capo della Squadra mobile: «Biancavilla, territorio caldo»

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
sequestro-armi-arresto-cardillo-conferenza-stampa-questura

Il capo della Squadra mobile, Antonio Salvago, durante la conferenza stampa sui tre arresti ed il sequestro di armi

«Quelli di Adrano e Biancavilla sono territori “caldi”, ecco perché abbiamo eseguito questi controlli straordinari che hanno portato ai tre arresti e al sequestro del grosso quantitativo di armi».

Parla Antonio Salvago, capo della Squadra mobile della Questura di Catania, fornendo in conferenza stampa i dettagli dell’arresto dei biancavillesi Alfio Cardillo, Vincenzo Cardillo e Gaetano Musumeci. Salvago, parlando con i giornalisti, era affiancato dal vicequestore aggiunto Giuseppe Emiddio, dall’ispettore capo del commissariato adranita, Nicolò Romano, e dal dirigente Sco, Alessandro Drago.

«Abbiamo effettuato un controllo accurato –ha continuato Salvago– ma ci siamo concentrati in maniera particolare verso quei personaggi già noti».

L’operazione della polizia è stata effettuata tra lunedì e martedì, anche se i dettagli sono stati forniti oggi. In commissariato sono stati portati una decina di persone.

Nella rete, i tre biancavillesi. Particolare attenzione viene data al ritrovamento delle armi, anche da guerra, ai Cardillo, padre e figlio, soprattutto per il curriculum criminale vantato da quest’ultimo.


►LEGGI L’ARTICOLO

Un arsenale in casa: tre arresti, sequestrato anche un kalashnikov

►GUARDA LE FOTO

Arsenale in casa, ecco le armi sequestrate e i tre arrestati

►GUARDA IL VIDEO

In casa di un anziano armi nascoste nel forno e sotto il letto


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

1 COMMENTO PUBBLICATO PER QUESTO ARTICOLO:
Il capo della Squadra mobile: «Biancavilla, territorio caldo»

  1. Nicolino UnAmico Incomune ha detto:

    il sindaco Glorioso, che si era voluto anche fare sindaco antimafia ha rilasciato dichiarazioni ? almeno l’operazione marketing e di immagine di alcuni giornalisti e testate volevano farlo apparire sindaco antimafia, cosi’ : ed io sono la mora dei ricchi e poveri . anche frasi di circostanza, basta che gli facciano dire cose da copiaincolle per queste occasioni. oppure lo fara’ in ritardo, se lo fara’. se incalzato dai media e dai giornalisti non cagnolini da compagnia, con ritardo di almeno due o tre giorni ? in base la notizia abbiamo delle tartarughe o delle antilopi….

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO