Connettiti con

Detto tra blog

I fondi Pnrr destinati a Biancavilla, il greenwashing e la “sinistra” fossile

Cinque milioni in arrivo, ma c’è il timore che la tematica ecologica sia declinata nel modo più ottuso

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Leggo con piacere la notizia che Biancavilla sarà oggetto di un ampio finanziamento derivato dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Il più consistente mai ricevuto dall’attuale amministrazione. Si tratta di fondi che, come ha detto il sindaco Bonanno, sono destinati alla riqualificazione dell’area sud del paese, bisognosa di interventi strutturali. La mia speranza è che nell’intervenire sul tessuto urbano si tenga realmente conto della natura del prestito (perché di questo si tratta) concessoci dall’Europa. Mi riferisco alla questione di transizione energetica e di lotta al cambiamento climatico, tematiche fondamentali del “Next Generation EU”.

Credo infatti che un così cospicuo finanziamento rappresenti un’occasione propizia – oltre che rara – per ripensare interamente l’abitato in chiave ecosostenibile.

Tuttavia, il mio timore è che, come già visto in recenti occasioni, la tematica ecologica venga declinata nella maniera più ottusa, limitandosi solo alla questione del verde urbano. Ma il paese non ha solo bisogno di essere abbellito con degli alberi o con simili manovre di “greenwashing.

Ripensare in chiave sostenibile l’abitato significa condurre una seria limitazione e regolamentazione allo spostamento delle auto, che come sappiamo paralizzano per molte ore del giorno il paese, favorendo strategie alternative di mobilità.

Significa tutelare i diritti di tutti, non solo dei sani, abili e motorizzati. Ma anche delle categorie deboli e indifese, quali anziani e disabili, spesso costretti in casa.

Significa riqualificare gli spazi non solo in rispetto a un comune senso del decoro. Ma con l’obiettivo di frenare il consumo di suolo e la cementificazione.

Sono solo pochi spunti, già in parte lanciati dalle pagine di Biancavilla Oggi in passato. Punti che disegnano, però, una direzione verso la quale, purtroppo, non vedo dirigersi la politica locale.

Innovazione, nessuna speranza dalla Sinistra

Per queste e altre ragioni, molte sinistre in Europa stanno riscoprendo nell’ecologia una seria battaglia politica per la redistribuzione della ricchezza e per la tutela dei diritti. Ma in un paese come il nostro, la (cosiddetta) “sinistra” sembra rimasta all’età della pietra (o per meglio dire: del fossile). E dibatte ancora sull’utilità delle strisce blu. Per questo, mi chiedo: chi potrà esercitare pressioni sull’amministrazione comunale, affinché si riservi alle tematiche ambientali la giusta attenzione? Se consideriamo poi il completo svuotamento ideologico dei partiti tradizionali, fin dalle sezioni locali, ridotti spesso a trampolini di lancio per politici in carriera, la speranza che da quelle forze arrivino degli stimoli realmente innovatori è pressoché nulla.

Forse l’unica (parziale) risposta potrebbe derivare dalla nascita di un civismo critico, come accade in alcune città medie e grandi dell’isola. Già nella scorsa tornata elettorale Biancavilla ha confermato il trend nazionale, che ha visto un’esplosione incontrollata di stemmi e liste civiche. Nonostante questo apparente rilancio del civismo, faticano ancora a svilupparsi delle vere coalizioni sociali a difesa dei beni comuni.

Chissà che l’arrivo di un finanziamento così ampio non riesca a stimolare tutti coloro che subiscono – a malincuore – le conseguenze di una politica miope, non ispirata a principi di equità e sostenibilità. Chissà che non sia l’occasione per spronarli a uscire allo scoperto, a voler dire la loro, a mettere il naso nella stanza dei bottoni. Non certo per spartirsi una fetta della torta, che pure potrebbe fare gola a molti, ma proprio per la motivazione opposta: vigilare, pungolare, stimolare. Si tratta di sogni? Forse. Ma l’anno è appena iniziato, ed è ancora lecito sognare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. DinDin

    7 Gennaio 2022 at 14:13

    Condivido i sogni espressi nell’articolo. Sogni che resteranno tali. Nella speranza che non sopravvengano gli incubi di cui è facile soffrire abitando in questo paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

«Troppi incidenti, via Sant’Ambrogio andrebbe chiusa al traffico veicolare»

L’arteria stradale ha necessità di una serie di interventi per migliorare le condizioni di sicurezza

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

L’ultimo incidente stradale in via Sant’Ambrogio, a Biancavilla, si è verificato pochi giorni fa. Un veicolo, guidato da un giovane ventenne, ha impattato un’auto in sosta. Non si tratta di un caso isolato: è uno dei tanti incidenti, più o meno gravi, consumati lungo l’arteria stradale.

Ad ogni incidente ci si indigna, ma nessuna soluzione viene messa in atto per migliorare le condizioni di sicurezza. Sarebbe auspicabile –certamente– il buon senso degli automobilisti, che dovrebbero percorrere la strada alla velocità consona. Ma ciò non basta. La segnaletica stradale è insufficiente: pochi cartelli e mal predisposti. L’ideale sarebbe l’installazione di un dissuasore elettronico di velocità che permetterebbe al guidatore di rendersi conto dell’andatura a cui sta viaggiando, influenzando così l’atteggiamento poco sicuro. Naturalmente, si tratta di “cure palliative”.

La soluzione adeguata sarebbe quella di chiudere via Sant’Ambrogio e renderla percorribile solo ai residenti e, in via eccezionale, ai mezzi di trasporto in emergenza o per necessità comprovate. L’arteria alternativa sarebbe la strada parallela, percorribile a doppio senso dai veicoli.  

Via Sant’Ambrogio è trafficata da bambini e anziani, che si muovono a piedi o in bicicletta. Il cattivo comportamento dei guidatori, soltanto per fortuna, non ha determinato una tragedia.

Allo sbocco della via vi è l’ingresso a un noto locale per ricevimenti. La chiusura della strada permetterebbe ai gestori di far giungere gli ospiti in sicurezza, senza alcun “affollamento”. La sua interdizione non implicherebbe alcun disagio. Ma permettere di garantire ai residenti, agli ospiti della struttura ricettiva e ai bambini di poter percorrere la strada con maggiore sicurezza, evitando quanto più possibile incidenti. Sperando che la proposta abbia seguito, va auspicato sempre il buon senso dei guidatori.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili