Connettiti con

News

È stato un biancavillese battagliero: addio a Nino Tempera, aveva 75 anni

Su “Biancavilla Oggi” la sua testimonianza di malato oncologico intrisa di sentimenti e umanità

Pubblicato

il

Nino Tempera non ce l’ha fatta. Ha combattuto, come sempre aveva fatto nella sua vita. Ma il cancro (senza giri di parole, lui lo chiamava con il suo nome: “cancro”) lo ha portato via. Aveva 75 anni.

Cosciente fino all’ultimo respiro, se ne è andato circondato dall’affetto dei suoi cari. I funerali saranno celebrati da padre Ambrogio Monforte sabato 2 ottobre alle ore 16.30, presso la parrocchia “Sacro Cuore”.

Biancavilla Oggi con grande dispiacere apprende della sua morte. Persona impegnata e partecipe nella vita pubblica, Tempera si è esposto per anni in diverse battaglie. Dal comitato per la difesa della casa al Tribunale per i diritti del malato, fino all’associazionismo di protezione civile: presente sempre con lo stesso spirito a difesa dei cittadini.

Sei mesi fa aveva chiesto alla nostra redazione di pubblicare un suo contributo. Abbiamo letto e condiviso una testimonianza, intrisa di sentimenti e umanità. Commovente. Ancora di più a rileggerla adesso che Nino se n’è andato per sempre. La riproponiamo di nuovo qui.

LA LETTERA. Testimonianza e confessione di un malato oncologico

Alla famiglia di Nino Tempera rivolgiamo il nostro cordoglio. Un forte abbraccio da Biancavilla Oggi, nel ricordo di un uomo che ha amato tanto questa nostra città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili