Connettiti con

Cronaca

Scintille tra rami e cavi elettrici all’interno del cimitero di Biancavilla

Pubblicato

il

Scintille provocate dal contatto tra rami d’albero e i cavi dell’elettricità. Succede all’interno della parte nuova del cimitero di Biancavilla, a causa delle forte raffiche di vento che si sono abbattute anche nella nostra zona.

È quanto si vede dal video realizzato dal coordinamento dei volontari delle associazione Pcb, Gepa e Security, che hanno attivato un controllo del territorio a seguito delle forti folate di vento.

Diversi gli interventi volti alla rimozione e messa in sicurezza di alcune sedi stradali, ivi compreso l’ingresso di una proprietà privata dove è caduta una grossa insegna. Una situazione per la quale anche la Protezione Civile raccomanda prudenza per evitare rischi.

Nei locali comunali di zona Martina, divelto il cancello in ferro. In diverse piazze, rami d’albero spezzati e finiti a terra. Episodi in via Giacomo Matteotti, in via degli Oleandri e in zona “Croce al vallone”.

Danni anche ai parabrezza di auto parcheggiate, a causa della caduta di rami o, come accaduto nella zona di via Piccione e via Raspagliesi, caduta di pietre dai tetti in tegole. In allerta, protezione civile e vigili del fuoco.

Altri danni si registrano all’interno del campo sportivo “Orazio Raiti”, in particolare la tettoia in lamiera della tribuna. Parti di un tetto di un’abitazione di via dei Pini spazzate via dalle raffiche. Lamiere divelte in via Inessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti