Connettiti con

Detto tra blog

Covid, sacrifici inutili in una Biancavilla con strade e piazze affollate di gente

Ciò che si vede in giro offende le famiglie che hanno pagato a caro prezzo la stupidità umana imperante

Pubblicato

il

Vedendo ciò che accadeva a Biancavilla, qualcuno mi ha chiesto: “Come potremo mai uscirne?”. Ho risposto, testualmente: “Semplice: facendo tamponi!”. L’interlocutore, evidentemente spiazzato dalla mia risposta, ha ribattuto: “In che senso?!”. Allora ho dovuto mettere da parte l’amara ironia e rispondere seriamente.

«Io da un anno a questa parte vivo di rinunce, di sacrifici; e per quanto non si tratti di questioni di vita o di morte, mi costano comunque tanto. Dopo un anno mi ritrovo in una città minacciata da varianti del coronavirus forse più contagiose, aggressive, letali e con numeri da zona rossa – che tra l’altro non capisco perché non sia stata ancora chiesta, ma tant’è! -, nel contesto di una pandemia che vede ormai arrivare in ospedale, in alcuni casi anche in condizioni severe o critiche, ventenni, trentenni, quarantenni.

Quello a cui assisto ormai da mesi e quanto visto stasera a Biancavilla offende la mia intelligenza, le mie rinunce, i miei sacrifici ma offende soprattutto quelle persone e quelle famiglie che nonostante scrupolosa osservanza delle regole, rinunce e sacrifici hanno pagato a caro prezzo la stupidità umana imperante.

Da cittadino, e da persona che ritiene di avere un briciolo di intelligenza, mi aspetterei che le istituzioni, visto che una buona parte della cittadinanza è incapace di autoregolarsi con buon senso e consapevolezza, non si limitino a sterili appelli mediatici privi di alcun valore persuasivo-coercitivo e destinati a rimanere lettera morta. Ma che si attivino con solerzia ed efficienza per chiedere e operare controlli capillari, rigidi, severi.

Ma ormai Biancavilla è come l’inferno dantesco: quando a novembre sono entrato nei meandri della stupidità umana ho lasciato ogni speranza!».

Letto questo messaggio la chiosa dell’interlocutore è stata: “Sono sceso per trascorrere le vacanze pasquali coi miei, che non vedo dall’estate scorsa proprio a causa delle rinunce e dei sacrifici di cui parli, e approfittando dello smart working sarei voluto rimanere per qualche altra settimana. Al primo volo economico che troverò dopo Pasquetta ripartirò!”. Un senso di amarezza, rabbia, sconfitta mi pervade. E due parole mi sovvengono: “Schifo, vergogna!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Alfio Pelleriti

    30 Marzo 2021 at 17:14

    Condivido con te l’amarezza che esterni e le proposte sulle misure da prendere per i controlli su chi si ostina a mantenere comportamenti irresponsabili.
    Alfio Pelleriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

Vi spiego com’è essere donna e fare l’ingegnere nei cantieri di Biancavilla

Un ambiente maschile e maschilista ma io «cammino con scarpe antinfortunistiche al di sopra di loro»

Pubblicato

il

Capita spesso che mi chiedano la mia professione e, alla risposta “ingegnere”, in automatico controbattono “E allora insegna?”. Non so se riesco a rendere l’idea dell’immensa tristezza che suscita in me questa reazione, ovvero che una donna ingegnere non esiste perché è un mestiere prevalentemente esercitato da uomini.

Credo che questa frase mi abbia fatto capire come relegare la donna in comparti stagni sia sempre stata non solo prerogativa maschile, ma a volte femminile. Non a caso mi è stato detto che per me sarà impossibile conciliare i figli alla mia professione, dunque devo necessariamente scegliere tra famiglia e carriera.

Ma voglio dire di più: far capire cosa significhi lavorare in un settore – quello edile – completamente al maschile, e maschilista, in un paese come Biancavilla (ma non solo).

In uno dei miei primi cantieri mi è stato detto che «le donne devono rimanere a casa». Molto spesso, sempre in cantiere, anziché Ingegnere o Architetto mi chiamano “signora” oppure “signorina”. Per continuare la sfilza di frasi sessiste, una volta mi è stato detto: «Non dite nulla all’architetto ché avrà il ciclo». Potrei continuare all’infinito. Mi viene chiesto molto spesso: «Ingegnere, come mai lei è in cantiere alle 14, non cucina per suo marito?».

Mi dà fastidio? Un po’, ma non esageratamente, perché poi alla fine valuto che entro in cantiere e sono l’ingegnere/architetto, non sto lì a pensare se farmi chiamare architetta, ingegnera, signora o signorina… Io sono lì e do direttive, spiego cose, cerco di far da paciere a cantieri dove le maestranze litigano per chi ha torto o ragione.

E se non sanno dove appigliarsi danno la colpa a me, la donna – non l’ingegnere – perché così viene più semplice. E io? Niente: cammino, con scarpe antinfortunistiche, al di sopra di loro e faccio il mio lavoro con dedizione e amore. Il resto lo lascio all’ignoranza. Non festeggio la “festa” della donna… festeggio di essere donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili