Connettiti con

News

«Condizioni di lavoro inadeguate»: netturbini di Biancavilla in agitazione

Veicoli, autoparco, misure anti-Covid, stipendi: lungo elenco di criticità evidenziato da Usb e Fiadel

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Interventi anti-Covid, veicoli inadeguati, mancanza di dispositivi di protezione individuale, assenza di liquido igienizzante e sanificante, mancanza di vestiario invernale. Tutte criticità che l’organizzazione sindacale Usb evidenzia per gli operatori ecologici della Caruter, l’azienda incaricata della raccolta dei rifiuti che opera a Biancavilla. Per queste ragioni, il segretario territoriale di Catania, Corrado Tabbita Siena, ha comunicato lo stato di agitazione dei lavoratori del cantiere di “igiene ambientale” di Biancavilla.

Questo «prevede –viene specificato– l’astensione dell’attività festiva e straordinaria, necessaria a causa delle condizioni degli automezzi e delle negative condizioni igienico-sanitarie che di fatto espongono i lavoratori dal punto di vista della sicurezza nel posto di lavoro».

La comunicazione è stata inviata alla Caruter, alla Società consortile, al Comune di Biancavilla, all’Ispettorato del lavoro e, per conoscenza, alla Prefettura di Catania.

Allo stesso tempo si chiede all’Ufficio Tecnico Comunale di effettuare le proprie verifiche rispetto alle problematiche lamentate.

Non c’è soltanto l’Usb a prendere posizione. Anche la Fiadel elenca altre criticità e chiede un incontro con i vertici dell’azienda. Tra le criticità, si fa riferimento alla mancanza di mascherine, a veicoli inidonei e all’autoparco, sprovvisto di servizi igienici, spogliatoi e stanza riunioni.

La sigla sindacale lamenta, poi, ritardi degli stipendi, mancati pagamenti del premio produttività, ex festività e straordinari (sostituito con riposi compensativi). La Fiadel evidenzia «anomalie inerenti al Tfr» e anche «l’impossibilità dei lavoratori ad ottenere prestiti o cessioni del quinto dello stipendio, in quanto l’azienda è stata inadempiente nei confronti delle finanziarie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili