Connect with us

Chiesa

Maria Ss. dell’Elemosina, il sindaco fa rispettare il “giro dei santi”

Pubblicato

il

Nella prima versione del programma ufficiale, diffusa il 18 settembre tramite wathsapp e su facebook, il tradizionale “giro dei Santi” per la processione dell’icona della Madonna dell’Elemosina era stato cancellato. Con un colpo di penna, tagliato il percorso “storico” che prevede piazza Collegiata, piazza Roma, via Vittorio Emanuele, via Inessa, via Imperia, via Scutari, piazza Cavour e di nuovo via Vittorio Emanuele fino in basilica.

È dovuto intervenire il sindaco Antonio Bonanno nei confronti del prevosto, padre Pino Salerno, dopo la sollecitazione di Biancavilla Oggi (a cui si erano rivolti diversi lettori per chiedere spiegazioni), perché venisse seguito il consueto itinerario della processione al seguito del dipinto sacro.

E così è stato. Per questo 4 ottobre, giornata dedicata a Maria Santissima dell’Elemosina, la processione serale si è svolta quasi secondo programma (a parte il mancato funzionamento dell’illuminazione artistica a causa di un corto circuito).

Sentitissima, a Biancavilla, la devozione per la Madonna dell’Elemosina, la cui processione, superato il palazzo comunale dove è avvenuto l’omaggio “istituzionale”, ha imboccato via Giulio Verne per raggiungere il convento San Francesco, mettendo a dura prova il lavoro dei vigili urbani in un punto nevralgico per la viabilità cittadina. Qui la fraternità si è raccolta in preghiera, peraltro nel giorno liturgico dedicato al patrono d’Italia. Poi, la processione, come concordato con la polizia municipale, avrebbe dovuto ridiscendere da via Verne, ma –approfittando dell’istituzione occasionale dell’isola pedonale in viale dei Fiori– ha proseguito verso piazza Sgriccio (tra nubi di fumo delle caldarroste) e quindi in direzione via Inessa per il consueto percorso, in un clima più intimo.

Alcune settimane fa, appena pubblicato il programma (poi accuratamente corretto), in tanti avevano scritto alla nostra redazione, mostrando perplessità per la cancellazione del giro nel centro storico e chiedendo chi avesse preso una tale decisione. Osservazioni che, ipotizzando noi ragioni di polizia municipale, avevamo inoltrato al primo cittadino, il quale si era premurato a parlare con il prevosto, sollecitando il rispetto del tradizionale percosso. Sollecito subito recepito senza polemica o discussioni. Peccato che, però, questo “correttivo” di due settimane fa non sia stato comunicato al comando della polizia municipale, creando qualche difficoltà dell’ultimo minuto ai vigili urbani.

L’episodio ripropone, ancora una volta, la questione (irrisolta) sulle decisioni che riguardano le festività patronali in tutti i suoi aspetti. In mancanza di un coordinamento effettivo, composto da istituzione comunale, autorità ecclesiastiche e realtà associative, chi prende le decisioni sulle “fondamenta” di manifestazioni identitarie come le festività patronali (stesso discorso potrebbe ripetersi per le processioni della Settimana santa)? Può essere mai un ristrettissimo numero di soggetti, secondo proprie, personalissime sensibilità?

Sembra superfluo (o forse no) ricordare che le festività patronali rappresentino non semplicemente manifestazioni religiose, ma un articolato patrimonio storico di cultura popolare e di identità cittadina, grazie al quale Biancavilla, almeno una volta all’anno, si riscopre comunità. Un patrimonio, ovviamente, che non appartiene alla sola Chiesa cattolica ma all’intera città. Ecco perché ogni decisione di modifica di secolari tradizioni va discussa, concordata ed attuata con il più ampio consenso e con criteri motivati. Al contrario, la smania di aggiungere elementi e di presentare novità ogni anno rischia di inquinare la bellezza e l’autenticità di quel rapporto intimo che lega i biancavillesi alle loro tradizioni civiche e religiose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Gruppo di fedeli di Biancavilla salutato da Papa Francesco in piazza San Pietro

Pubblicato

il

Oltre 30 biancavillesi del Cammino neocatecumenale che fa riferimento alla parrocchia di “San Salvatore” (e un giovane dell’Idria) sono stati in pellegrinaggio a Roma.

Per loro è arrivato anche il saluto di Papa Francesco, a conclusione dell’Angelus, quando il pontefice cita tutit i gruppi presenti in piazza San Pietro.

Nel gruppo di Biancavilla c’è anche padre Salvatore Verzì. Il pellegrinaggio continuerà con altre tappe, prima di fare ritorno in paese con i ricordi di questa esperienza vissuta e l’emozione di quelle parole del Papa: «Saluto i fedeli “de” Biancavilla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

Chiesa

Franca Papotto rieletta rappresentante di vicariato dell’Azione Cattolica

Nella parrocchia dell’Idria assemblea alla presenza del presidente diocesano Tony Bonaventura

Pubblicato

il

Franca Papotto è stata eletta, per il secondo mandato consecutivo, rappresentante di vicariato Biancavilla – Santa Maria di Licodia dell’Azione Cattolica. L’incarico avrà durata triennale. 

È quanto deciso dall’assemblea elettiva, che si è tenuta nella casa parrocchiale dell’Idria di Biancavilla, alla presenza del presidente diocesano di Ac, Tony Bonaventura. 

Hanno preso parte i delegati eletti lo scorso novembre assieme ai rispettivi presidenti parrocchiali, ovvero Maria Portale (chiesa madre), Giusi Fisichella (Annunziata), Rosetta Viro (Sacro Cuore) ed Enza Leocata (Santissimo Salvatore).  Una rappresentanza tutta al femminile, ulteriormente confermata dalla rielezione di Franca Papotto nell’incarico del vicariatoo.

Un momento di spiritualità è stato curato dal vicario foraneo, nonché parroco dell’Idria, don Giovambattista Zappalà. 

Il ruolo del rappresentante di vicariato ha una particolare importante perché rappresenta di diritto, all’interno del consiglio diocesano di Azione Cattolica, le quattro associazioni di Biancavilla e mantiene i rapporti con il centro diocesano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.