Connettiti con

Cronaca

Banche con Atm più “poveri” per scoraggiare ladri e malviventi

Gli sportelli bancomat non saranno più caricati in tutta la loro capienza: i malviventi sono avvisati

Pubblicato

il

Ladri e malviventi sono avvisati: inutile che organizzino assalti ai bancomat, non vale la pena tutto quel fracasso perché d’ora in poi il contenuto di denaro sarà limitatissimo. Visti i ripetuti episodi registratisi nel territorio provinciale (l’ultimo a Ragalna), anche a Biancavilla si tenta una nuova strategia, grazie ad indicazioni delle forze dell’ordine agli istituti bancari, compreso l’Ufficio postale.

L’indicazione delle forze dell’ordine fornita a tutte le banche e alle Poste di Biancavilla è quella di evitare di inserire grandi quantità di banconote nello sportello Atm, soprattutto nei fine settimana e in coincidenza di giornate festive. La prassi era quella di caricare decine e decine di migliaia di euro: ci sono Atm in grado di gestire persino 100mila euro di caricamenti ed altri che arrivano pure a 200mila.

Somme che fanno gola ai malviventi. A Biancavilla un assalto al bancomat con modalità “spettacolari” è stato compiuto con un escavatore ai danni del Credito Etneo, in viale dei Fiori, nell’ottobre del 2015, con un bottino fruttato ai ladri circa 50mila euro. Alcuni mesi prima lo stesso istituto di credito era stato preso di mira con l’utilizzo di un camion-ariete, anche se il colpo, in quell’occasione, era fallito.

Per mettere in campo una strategia di prevenzione e scoraggiare i malintenzionati, quindi, d’ora in poi gli Atm saranno caricati con somme più esigue, per esempio 5-6mila euro. Insomma, sì, non varrà più la pena smuovere escavatori e camion per racimolare somme così esigue. Ladri e malviventi sono avvisati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Olio esausto all’ingresso dei seggi elettorali del plesso “Don Bosco”

Gesto vandalico o di protesta? Presidenti e scrutatori hanno dovuto attendere la pulizia del luogo

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Olio esausto sparso sulla porta e i gradini d’ingresso di uno degli edifici del plesso elementare “Don Bosco” del quartiere Cicalisi, a Biancavilla. La sostanza e la bottiglia in plastica che la conteneva sono state trovate nel padiglione B che ospitano le sezioni 16 e 17.

I presidenti e scrutatori, impegnati nelle operazioni per queste elezioni europee, avrebbero dovuto procedere con i consueti preparativi per la costituzione dei seggi. Ma non è stato possibile accedere ai locali. I funzionari del Comune hanno dovuto chiamare una ditta specializzata perché pulisse l’area.

Il fatto sarebbe accaduto con ogni probabilità questa notte. Sul gesto intenzionale non ci sono dubbi. Si tratta di capire il valore: azione vandalica o gesto politico di protesta? Certo è che chi l’ha compito ha scavalcato la recinzione del plesso scolastico (appartenente al Primo circolo didattico) per poi gettare la sostanza oleosa e lasciando a terra la bottiglia. Sul posto, è intervenuta una pattuglia della polizia locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti