Connettiti con

Cronaca

Banche con Atm più “poveri” per scoraggiare ladri e malviventi

Pubblicato

il

Il colpo messo a segno nell’ottobre del 2015 al Credito Etneo

Nuove strategie, anche a Biancavilla, di banche e Ufficio postale, su indicazioni delle forze dell’ordine. Gli sportelli bancomat non saranno più caricati in tutta la loro capienza. I malviventi sono avvisati.

 

di Vittorio Fiorenza

Ladri e malviventi sono avvisati: inutile che organizzino assalti ai bancomat, non vale la pena tutto quel fracasso perché d’ora in poi il contenuto di denaro sarà limitatissimo. Visti i ripetuti episodi registratisi nel territorio provinciale (l’ultimo a Ragalna), anche a Biancavilla si tenta una nuova strategia, grazie ad indicazioni delle forze dell’ordine agli istituti bancari, compreso l’Ufficio postale.

L’indicazione delle forze dell’ordine fornita a tutte le banche e alle Poste di Biancavilla è quella di evitare di inserire grandi quantità di banconote nello sportello Atm, soprattutto nei fine settimana e in coincidenza di giornate festive. La prassi era quella di caricare decine e decine di migliaia di euro: ci sono Atm in grado di gestire persino 100mila euro di caricamenti ed altri che arrivano pure a 200mila.

Somme che fanno gola ai malviventi. A Biancavilla un assalto al bancomat con modalità “spettacolari” è stato compiuto con un escavatore ai danni del Credito Etneo, in viale dei Fiori, nell’ottobre del 2015, con un bottino fruttato ai ladri circa 50mila euro. Alcuni mesi prima lo stesso istituto di credito era stato preso di mira con l’utilizzo di un camion-ariete, anche se il colpo, in quell’occasione, era fallito.

Per mettere in campo una strategia di prevenzione e scoraggiare i malintenzionati, quindi, d’ora in poi gli Atm saranno caricati con somme più esigue, per esempio 5-6mila euro. Insomma, sì, non varrà più la pena smuovere escavatori e camion per racimolare somme così esigue. Ladri e malviventi sono avvisati.

LEGGI GLI ARTICOLI

Un escavatore contro il bancomat, rubati 50mila € al “Credito Etneo”

Camion-ariete contro bancomat: assalto fallito al Credito Etneo

Il colpo fallito nel febbraio 2015 al Credito Etneo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Volontari della parrocchia dell’Idria a sostegno degli alunni della “Sturzo”

“Pomeriggio insieme”: intesa tra padre Giovambattista Zappalà e la preside Concetta Drago

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Nel periodo post pandemia si è assistito ad un aumento di ragazzi con difficoltà nell’ambito scolastico. Una delle motivazioni possibili è da attribuire alla didattica a distanza. La Dad ha lasciato, infatti, segni evidenti nella fascia adolescenziale.

Nasce in questo contesto, a Biancavilla, l’iniziativa di collaborazione tra la parrocchia Santa Maria dell’Idria e la scuola media “Luigi Sturzo”.

Alcuni volontari della parrocchia, tra cui docenti, ex docenti e professionisti, si sono resi disponibili a dedicare un po’ del loro tempo per gli alunni che vogliono migliorare il loro bagaglio culturale. 

La proposta di collaborazione rivolta dal parroco don Giovanbattista Zappalà e la disponibilità dei volontari sono state accolte favorevolmente e con spirito di grande cooperazione dal dirigente scolastico Concetta Drago. 

Il gruppo di volontari è stato denominato “Pomeriggio insieme”, volendo rimarcare dunque che il suo scopo non è solo arrivare ad una formazione scolastica. Ma anche stare assieme, svolgendo attività ricreative, oltre quelle legate allo studio. 

Le attività si svolgeranno ogni settimana, da lunedì a venerdì, dalle 15.30 alle 17.00 e saranno aperte a tutti i ragazzi che lo vorranno. Ulteriori informazioni potranno essere chieste in parrocchia o a scuola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili