Connettiti con

Politica

Il consigliere Salvà si è dimesso, ora gli subentra Pinuccia Bivona

Pubblicato

il

Il consigliere Pippo Salvà lascia l’assemblea cittadina. L’esponente dell’area Pd che fa riferimento ad Anthony Barbagallo, che ha finora ricoperto la carica di vicepresidente del Consiglio Comunale, ha protocollato la lettera di dimissioni indirizzata al presidente Giuseppe Pappalardo e ai colleghi d’aula.

«Sono orgoglioso –scrive nella missiva– di avere ricoperto tale carica per questi anni, di avere dato un valido contributo alla collettività e di avere, compatibilmente con gli impegni lavorativi, offerto la mia collaborazione alla buona riuscita di molte iniziative che hanno portato lustro alla nostra città».

Pippo Salvà sarà adesso sostituito dal primo dei non eletti della lista “Biancavilla che lavora”, nella quale si era presentato agli elettori quasi cinque anni fa. Si tratta di Pinuccia Bivona, volto nuovo e alla sua prima esperienza politica, che aveva ottenuto 239 preferenze, dopo Elvira Rapisarda, a sua volta subentrata in assemblea dopo le dimissioni di Giuseppe Sapienza.

«Alla persona che mi sostituirà, certamente all’altezza del ruolo che si accinge a ricoprire –sottolinea ancora Salvà– auguro buon lavoro e a tutto voi, amici carissimi, porgo un caloroso saluto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Alba

    9 Novembre 2017 at 19:28

    Questa è la politica di Biancavilla…la giostra a turni dei consiglieri.assessori.presidenti…ed qualcuno come Mario Cantarella dice di essere riferimento per Musumeci…cioè per gli impresentabili..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti