Connettiti con

Detto tra blog

Caro Babbo Natate, i miei dieci desideri per una Biancavilla migliore

Pubblicato

il

Blog Alessio Leotta

Caro Babbo Natale, quest’anno avrei un po’ di cose da chiederti per i miei concittadini biancavillesi.

Primo: aiuta i biancavillesi ad avere più serenità e pace! Può sembrarti una cosa scontata, ma ancora oggi litigi familiari, poco auto-controllo e soprattutto molta sopraffazione verso i più introversi sono cause di “scerre” in giro e per le strade.

Secondo: aiuta i nostri politici a fare meno teatrino delle poltrone e a pensare al vero bene per il paese, aiuta loro a sostenere chi ha fatto un buon operato ma soprattutto dai loro la forza a condannare e denunciare il cattivo operato che rende la città marcia e senza prospettiva di sviluppo futuro.

Terzo: aiuta le buone realtà che nell’umiltà e nella discrezione si muovono tutto l’anno (anche senza aiuti) per i deboli, gli oppressi e i bisognosi. Mi vengono in mente le Caritas, associazioni che aiutano donne maltrattate, gruppi di giovani che attuano una sana aggregazione, giovani che aiutano gli anziani e chi si trovano soli, insomma aiuta chi lavora nel sociale con cuore puro e senza secondi fini.

Quarto: aiuta i molti giovani biancavillesi a rimanere nel proprio paese. Sostieni loro affinché possano trovare un lavoro onesto e dignitoso tale da poterli far vivere nel luogo dove sono cresciuti e non essere costretti ad allontanarsi da casa perché non hanno possibilità lavorative.

Quinto: aiuta le famiglie che hanno perso un loro caro a causa dell’amianto a trovare la serenità e a proseguire la loro vita costruendo ed edificando una vita migliore per tutti gli orfani delle vittime. Guida i politici e i lavoratori a fare un lavoro “vero” e “onesto” per il risanamento di tutto il paese dal problema, affinché tra 20 anni il tutto sia un brutto ricordo.

Sesto: aiuta Biancavilla ad uscire dal tunnel dell’”oscurantismo” culturale che si percepisce nel paese. Fai riflettere chi di dovere ad investire sulla cultura e sulla formazione, solo così ci potrà essere un sano sviluppo e si potranno eliminare tutte quelle devianze criminali che portano a delinquere.

Settimo: aiuta i cittadini biancavillesi ad essere più onesti nei confronti della legge, aiutali a pagare le giuste tasse e a risanare le loro case per poterci vivere serenamente negli anni futuri.

Ottavo: aiuta tutti gli agricoltori biancavillesi a riprendere la forza per tornare alla terra e  reinvestire su di essa per attuare una crescita sana. Non fare comprare loro solo le giornate per la disoccupazione ma rendili coscienti che atti del genere danneggiano tutta la comunità.

Nono: aiuta i sacerdoti ad essere più forti e coraggiosi nello denunciare le malefatte di alcuni cittadini e risanare i loro cuori dalle preoccupazioni, contrapponendo le malefatte con il bene e il perdono che predicano.

Decimo: aiuta i giornalisti locali ad essere più liberi da “controllori” e “censuratori” e meno influenzabili attraverso incarichi e regalini. È una condizione possibile, come dimostra l’esperienza di Biancavilla Oggi. Questo ci porterebbe cultura e vera informazione. Incoraggia i cronisti che nel nostro paese, quest’anno, hanno ricevuto minacce da clan mafiosi e clan “politici” o chiamate poco piacevoli e sostienili a fare il loro lavoro in maniera onesta.

Babbo Natale, magari 10 punti sono tanti, o forse sono pochi, ci possono essere altre cose da desiderare e che ti potrei chiedere, ma basta ne realizzi un paio per avere un paese migliore. Grazie Babbo Natale.

Ne approfitto per fare i sinceri Auguri di Buon Natale, Buone feste e Buon Anno a tutti i biancavillesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

Un maschilismo arcaico duro a morire: basta sfogliare l’albo degli scrutatori

Accade ancora nel 2022: i nominativi delle donne sposate, accostati al cognome dei mariti

Pubblicato

il

In attesa della consultazione referendaria del 12 giugno, scorrendo l’albo degli scrutatori del Comune di Biancavilla, mi sono accorta che le donne sono identificate mediante nome, cognome e… il cognome del marito. Anzi, peggio, sono esattamente identificate nella forma: Anna Rossi IN Verdi.

Ebbene sì, nell’epoca in cui in Italia finalmente è intervenuta la Corte costituzionale sul doppio cognome, a Biancavilla (certamente come altrove) si sente ancora la necessità di identificare l’appartenenza della donna a un uomo. Ciò, in barba a quanto già da oltre 60 anni ha statuito la Corte di Cassazione. La norma del Codice Civile prevede che il cognome del marito vada aggiunto a quello della moglie quale un diritto della donna, non per obbligo.

Pertanto, non essendo previsto alcun automatismo e volendo, per logica, escludere che tutte le donne di Biancavilla abbiano chiesto l’aggiunta del cognome del marito al proprio, devo concludere che siamo tristemente alle solite.

Infatti, a prescindere dal dato normativo e/o dall’eventuale impostazione tecnica del software utilizzato dal Comune di Biancavilla (e da altri Comuni, come presumo che sia), trovo tutto ciò arcaico, gretto, maschilista e sessista. E non posso che leggerlo come un rimando ad una subcultura sociale degli anni che furono, che fatica a cambiare.

Ipocrisie e subcultura patriarcale

L’importante, però, è che il 25 novembre e l’8 marzo si parli a sproposito di parità di genere, di uguaglianza di diritti. E si urli a gran voce “No alla violenza sulle donne”. Ed ancora più importante è che se ne parli durante le campagne elettorali. L’argomento “donne” è noiosamente utilizzato per acchiappare voti da parte di uomini e di donne che, di fatto, parliamoci chiaro, non sanno neanche quello che dicono.

La nostra ipocrita società non si rende conto che la mentalità e la subcultura maschilista e patriarcale imperanti nel nostro Paese abbiano origine in primis negli stereotipi di genere e familiari che noi stessi alimentiamo. Ne è un esempio l’identificazione della donna con l’aggiunta del cognome del marito. Oppure con l’utilizzo dell’odiosissima espressione “capo famiglia”. O ancora, con l’utilizzo in numerosi moduli di Istituzioni pubbliche (anche scuole!) dell’arcaica definizione di “patria potestà” in luogo della definizione corretta “responsabilità genitoriale”.

C’è da piangere. E c’è ancor più da piangere a pensare che, puntualmente, si debbano sollevare questi argomenti tramite Biancavilla Oggi, unica testata che abbia questa sensibilità. Possibile che nessuno dei politici (donne e uomini) di Biancavilla ed esponenti della cosiddetta società civile se ne siano accorti? Possibile che l’utilizzo di Anna Rossi IN Verdi non abbia disturbato nessuno? È mai possibile? A Biancavilla, sì. Possibilissimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili