Connettiti con

News

Blackout di 5 ore a Biancavilla, in bolletta arriva un indennizzo di 30 euro

I disservizi si erano verificati lo scorso mese di agosto, adesso è stato riconosciuto lo sconto in fattura

Pubblicato

il

Arrivano gli indennizzi sulle bollette dell’energia elettrica per gli utenti di Biancavilla colpiti dal blackout dello scorso agosto. La somma, pari a 30 euro, è stata scontata direttamente in fattura. Uno sconto a prescindere dalla compagnia con cui si è sottoscritto il contratto (Enel, Edison, Eni, etc.).

Come si ricorderà lo scorso 2 agosto, centinaia di famiglie rimasero senza elettricità. Un disservizio durato circa 5 ore. Le conseguenze non sono state poche: dall’impossibilità di utilizzo dei climatizzatori (nonostante le alte temperature di quei giorni) agli alimenti dei congelatori buttati via.

L’interruzione dell’energia elettrica era avvenuta per un guasto, quindi senza nessun preavviso secondo gli standard fissati dall’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera). Per tali ragioni l’indennizzo di 30 euro è riconosciuto in automatico in bolletta al cliente domestico e non con potenza inferiore o uguale a 6 kw. L’indennizzo è stato superiore per le utenze in bassa e media tensione, diverse dalle domestiche, con potenza inferiore o uguale a 100 kW e superiore a 6 kW.

Chi non avesse ancora controllato, può prendere in esame l’ultima bolletta 2021. Se si è tra gli utenti che il 2 agosto hanno subito il disservizio elettrico per circa 5 ore, in fattura apparirà la voce “indennizzi” con il relativo sconto di 30 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili