Connettiti con

Detto tra blog

Movida a Biancavilla, Tony Manero ed una generazione in stato di ebbrezza

Amministrazione comunale sorda (esattamente come la precedente) su un fenomeno fuori controllo

Pubblicato

il

Non è la proiezione di una pellicola cult degli anni ’70, quella che rivive nelle strade del centro di Biancavilla. Bensì la movida serale, anzi notturna. Selvaggia e fuori controllo.

Molte sono le lamentele dei biancavillesi che corrono sui social e tra i balconi dei vicini. Lamentele giustificate dalla mancata azione dell’amministrazione comunale, volta a fare orecchio da mercante per la tutela del decoro e della quiete pubblica.

Sia inteso che anche nella passata amministrazione comunale, tali “mercanti” non hanno mai intrapreso un’azione concreta. Mai nessuna da quando Biancavilla è diventata centro del comprensorio per la movida, attirando giovani anche da paesi limitrofi.

Risse, vomito e urina: i “riti” del centro storico

Ci sono riti che si ripetono ormai quasi tutte le sere, ma soprattutto nei weekend. Centinaia di Tony Manero, annoiati dalla vita quotidiana, trovano sfogo nelle stradine biancavillesi con urla e schiamazzi fino a tarda notte. Non mancano risse e bravate ai danni di coloro che il centro lo abitano.

Lamentele su lamentele anche da parte di coloro che non riescono a rientrare a casa perché si trovano una barriera di gente e macchine che bloccano accessi a cortili e garage privati. Non mancano nemmeno le sorprese mattutine. Portoni “dipinti” con urine, bicchieri di plastica svuotati e lasciati sui davanzali delle finestre, chiazze di vomito seminato qua e là alla base dei muri.

Il rumore che attanaglia il centro cittadino (come piazze e parchetti di periferia) diventa insopportabile e rimbomba tra le pareti e i vetri delle case. Si va dai potenti scooter alle auto luccicanti che scorrazzano, sgommando con musica ad alto volume. Immancabile e puntualissimi i fuochi d’artificio che dopo le 24 fanno sobbalzare dai letti quei cittadini inconsapevoli.

Allora ci viene quasi da pensare che inizia a mancare un rapporto di fiducia, ma soprattutto speranza nel futuro per una generazione che molto spesso viene considerata in “stato di ebbrezza”. Ragazzi e ragazze che affollano il centro cittadino, profili proiettati sulle facciate storiche del paese. Con la triste e più diffusa considerazione negativa dovuta all’uso e abuso di alcol e droga, consumata nei vicoli più bui e nascosti. Celati non solo dalla luce dei lampioni, ma dalla visibilità diretta dei genitori. Quello che rimane, quindi, è l’amarezza per una generazione giovanile cruda e disperata. E un sentimento di sopraffazione che pervade il cittadino onesto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
2 Commenti

2 Commenti

  1. DinDin

    7 Settembre 2021 at 8:39

    Perché non considerare anche le responsabilità dei genitori, incapaci di dare una educazione adeguata ai loro figli? I minorenni, che escono da casa alle 22,00 per ritirarsi alle prime luci dell’alba, sono sotto la loro responsabilità, anche di fronte alla legge.
    Le responsabilità delle amministrazioni che si sono succedute in questi anni stanno sicuramente nell’aver permesso che Biancavilla diventasse “u’ paisi de’ pab”. Quanti di questi (troppi) locali sono in regola con la normativa di settore?

  2. Angela

    6 Settembre 2021 at 20:06

    Signor Pappalardo, ha delineato perfettamente la situazione che si vive la notte a Biancavilla. Abito in centro, ho una mamma anziana che la notte per on sentire il baccano e poter dormire deve prendere due pillole. Siamo ostaggio di un pugno di giovani incivili. Ho grande pena nel cuore perché si è abbassata l’età dei ragazzi che vivono la notte tra birra ,fumo e bravate di ogni genere. Grazie amministrazione!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

Premio Scanderbeg (e alla memoria), buona idea riconoscere i meriti però…

Note a margine dell’evento promosso dalla Presidenza del Consiglio Comunale a Villa delle Favare

Pubblicato

il

Ho letto con piacere dell’esistenza del premio Scanderbeg, istituito dal Comune di Biancavilla e, nello specifico, dalla Presidenza del Consiglio Comunale. L’idea che le nostre istituzioni vogliano dare merito e riconoscimento a personalità che si siano distinte in ambiti professionali o di impegno civico, culturale, sociale o volontaristico mi sembra valida e da sostenere.

Ci sono, tuttavia, due osservazioni che spontaneamente nascono dalla lettura delle cronache dell’evento di premiazione, avvenuto a Villa delle Favare.

Scegliere di stilare un ampio ventaglio di premiati rischia, nel giro di qualche anno, di esaurire il numero di meritevoli a cui conferire il riconoscimento. O quantomeno si rischia di individuare personalità via via “minori” rispetto a quelli già chiamati sul palco. In altre parole: meglio scegliere, per ogni edizione, pochi ma farlo con criterio, evitando motivazioni troppo generiche.

Altro aspetto che è saltato alla mia attenzione è la categoria del “premio alla memoria”. Non è inusuale che certi riconoscimenti vengano dati post mortem. Di solito accade per scomparse premature o improvvise.

Nel caso della manifestazione del Comune di Biancavilla sembra, invece, che si tratti di una categoria fissa, da riproporre ogni anno. L’idea, in questo caso, non fa altro che certificare la disattenzione che in passato l’istituzione comunale ha avuto nei confronti dei biancavillesi meritevoli.

I premi si danno in vita, non dopo la morte! Sembra si voglia colmare l’indifferenza che sindaci e consiglieri hanno mostrato nel passato. Cosa vera, ma ormai è troppo tardi. Vogliamo dare un premio, dunque, alla memoria per Antonio Bruno e farci perdonare le malignità riservate prima e dopo la sua morte o l’oblio che ne è seguito per decenni? Guardiamo avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti