Connettiti con

Cronaca

Il caso dell’ambulanza della morte, stasera nuovo servizio de “Le Iene”

Pubblicato

il


Di nuovo in campo Le Iene sul caso della “ambulanza della morte”, per il quale c’è stato già un arresto ed altri due soggetti sono indagati a piede libero.

Nel nuovo servizio di Roberta Rei, ecco nuove inquietanti e drammatiche rivelazioni.

►GUARDA IL SERVIZIO DE LE IENE

LEGGI GLI ARTICOLI

«Questo è stato duro a morire», racconti choc sugli ambulanzieri

Almeno in tre uccisi in ambulanza: presunto barelliere della morte

Indagine sui barellieri della morte, Le Iene attivano la Procura

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Sfruttati 5 tunisini, a Biancavilla rumeno denunciato per caporalato

Paga da fame e persino minacce di morte per i lavoratori impiegati nella raccolta delle arance

Pubblicato

il

Un “caporale” che sfruttava i lavoratori, anche con minacce di morte. Per queste ragioni, i carabinieri di Biancavilla hanno denunciato un rumeno.

L’uomo avrebbe non soltanto trasportato cittadini extracomunitari nei terreni agricoli del Paternese per la raccolta delle arance. Ma avrebbe pure lucrato sulla loro paga, facendo la cresta sulla quota riconosciuta dalla ditta.

Allargati i controlli alla sua abitazione, i militari hanno scoperto 5 persone tunisine, tra i 22 e i 41 anni, irregolari sul territorio nazionale, anche loro impiegati in lavori in campagna.

Durante l’ispezione, accertato, con il supporto dei tecnici dell’Enel, l’allaccio abusivo alla rete elettrica dell’intero stabile dove alloggiavano i tunisini su indicazione del rumeno, motivo per cui quest’ultimo è stato denunciato anche per furto di energia elettrica.

I lavoratori sono stati, invece, denunciati per ingresso e soggiorno illegale nel territorio nazionale. Emesso, dunque, il provvedimento del questore di Catania per l’espulsione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti