Connettiti con

Cronaca

Commerciante biancavillese preso a pugni da due ladri d’auto a Parma

Pubblicato

il

Vincenzo Emerilli nella foto pubblicata dalla Gazzetta di Parma

«Rompono il finestrino di un’auto, ma vengono visti da un negoziante che interviene prontamente e in cambio riceve un pugno in faccia». Il negoziante in questione è Vincenzo Emerilli di Biancavilla. Il fatto è accaduto a Parma, dove vive il commerciante. A raccontare la sua esperienza è stata la “Gazzetta di Parma”.

Emerilli, appena uscito da casa sua, dopo avere sentito il rumore del finestrino andato in frantumi, è intervenuto contro i due ladri, un uomo e una donna. Con il primo è nata una colluttazione, ma il biancavillese ha subito un pugno al naso. Un episodio di ordinaria violenza.

La testimonianza di Emerilli è stata ripresa anche da “Quinta colonna”, la trasmissione di Rete 4, nel corso di un collegamento in diretta da Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Da una cicca di sigaretta all’incendio, soccorse due ragazze a Biancavilla

Intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Greco Sicula, nel quartiere “Cristo Re”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una sigaretta che si pensava spenta nel posacenere finisce nella spazzatura, posta in sacchetti sul balcone, al primo piano di un’abitazione. Qualche minuto e si sprigionano fiamme e fumo. È accaduto in via Greco Sicula, a Biancavilla, nel quartiere della parrocchia Cristo Re.

Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano, che hanno messo in sicurezza i luoghi. Sul posto anche agenti della polizia locale.

Un’ambulanza del 118 con medico a bordo è stata chiamata per dare soccorso a due sorelle di 11 e 14 anni, le uniche che erano in casa. Avevano respirato i fumi e per precauzione si è preferito sottoporle all’esame medico. Per loro, comunque, nulla di grave. Non è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

Quanto alla casa, al di là dei luoghi anneriti dal fumo, per fortuna resta agibile e quindi abitabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti