Connettiti con

Politica

Le lacrime di Ada Vasta in Aula: anche la politica ha un cuore…

Pubblicato

il

Nominata coordinatore di Ncd-Alleanza popolare, la consigliera ha rassegnato le sue dimissioni dall’assemblea cittadina. Nel suo intervento di congedo, diversi momenti di commozione. Come quando ha ricordato la vicenda della sua gravidanza, trasformata in un caso politico.

 

di Vittorio Fiorenza

Ada Vasta ha lasciato il Consiglio Comunale di Biancavilla per andare a ricoprire l’incarico di coordinatore di Ncd-Area popolare, avviando così la costituzione del nuovo soggetto politico dei moderati. In aula, subentrerà Gino Randazzo, primo dei non eletti.

«Come nello sport, anche in politica ci sono le staffette e a chi mi sostituirà lascio un bagaglio di battaglie a cui tengo tantissimo».

Nel suo messaggio di congedo, la Vasta è stata sopraffatta dall’emozione, fino alle lacrime. Un intervento che ha ripercorso quattro anni di attività e che, per la prima volta nell’assemblea cittadina di Biancavilla, è stato intervallato da momenti di commozione. Uno spiraglio di umanità contrapposta alla freddezza calcolatrice, spesso ostentata dalla politica. «Scusate, non mi succede mai, sarà la maternità che mi ha cambiato».

Già, la maternità. Il suo parto, lo scorso settembre, diventò un caso politico. In quel momento l’assemblea era spaccata: 10 consiglieri contro 10. Ma si doveva approvare il bilancio. L’escamotage? Aula convocata nei giorni del ricovero in ospedale: a nulla servirono gli appelli al rispetto delle prerogative della consigliera.

«Una vicenda che mi ha segnato –ha detto ora la Vasta– perché ho capito che la politica di attenzione nei confronti delle donne è fatta spesso di sole parole. Nessuno dovrebbe essere costretta a scegliere tra la maternità e il proprio impegno». È seguito l’intervento del presidente Vincenzo Cantarella, che ha avuto parole di elogio per l’attività della Vasta: «Le chiedo scusa se non l’ho saputa garantire nella vicenda della sua maternità, questa assemblea perde un elemento molto valido».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. santino

    14 Marzo 2017 at 18:40

    certo che piange…addio gettone di presenza, …altro che lacrime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Il sindaco Antonio Bonanno rieletto nel Consiglio regionale dell’Anci Sicilia

Scelta presa dall’assemblea congressuale dell’associazione che riunisce tutti i comuni dell’Isola

Pubblicato

il

Il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno, è stato rieletto nel Consiglio regionale di Anci Sicilia. Una scelta della dodicesima dell’associazione che raggruppa i 391 comuni dell’Isola.

“Sono davvero onorato – dice Bonanno – di continuare a rappresentare gli enti locali siciliani e di contribuire grazie all’Anci al miglioramento della qualità di vita dei cittadini e alla crescita dei nostri territori. Ringrazio i miei colleghi sindaci per la fiducia che hanno riposto in me”.

“Da primo cittadino di Biancavilla mi è offerta la possibilità di offrire il mio contributo all’Anci. Nel consiglio regionale – specifica Bonanno- continuerò a lavorare ancora di più per i nostri Comuni avendo cura di informare e coinvolgere tutti i cittadini siciliani”.

Il sindaco di Biancavilla ringrazia “il presidente uscente, Leoluca Orlando, per avere guidato Anci Sicilia con spirito combattivo. Al nuovo presidente Paolo Amenta auguro buon lavoro assicurandogli massima collaborazione”.

RIPRODUZIONE RISERVATA 

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.