Connettiti con

News

Ore 12.22, la littorina in galleria Storica inaugurazione della metro

Pubblicato

il

inaugurazione-metropolitana-stazione-colombo2

L’arrivo della littorina alla stazione di via Colombo: sono le ore 12.22

Cerimonia per l’ultimazione del tunnel della Ferrovia Circumetnea. Dopo 120 anni dall’arrivo del “trenino” a Biancavilla, viene abbandonato il tracciato in superficie con riduzione dei tempi di percorrenza. Si completa così il tratto Adrano-Paternò. Ad ottobre ci saranno nuove littorine.

 

di Vittorio Fiorenza

Biancavilla ha la sua nuova tratta ferroviaria in galleria. La linea sarà in esercizio a partire da oggi. Ieri cerimonia inaugurale con la littorina arrivata alla stazione “Colombo” alle ore 12.22. Un momento storico che segna, dopo 120 anni (lo scartamento ridotto in paese fu inaugurato infatti nel 1895), il passaggio dal tracciato in superficie a quello in “metropolitana leggera”, nonostante comunque restino parti alla luce del sole.

Con i 4,4 km di linea ammodernati e ricadenti nel territorio di Biancavilla si completano le opere dell’intera tratta Adrano-Paternò che misura 15 km (metà della quale in galleria). Prima l’attivazione del tunnel a Santa Maria di Licodia tra il 2009 e il 2010, poi l’immissione in esercizio della linea di Adrano nel 2011. Oggi, l’ultimo step a Biancavilla, il cui iter, nel corso degli ultimi 15 anni, aveva subito rallentamenti a causa del ritrovamento di tracce di minerali fibrosi di fluoroedenite che hanno spinto ad adottare speciali precauzioni per gli operai impegnati nei lavori.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza dell’assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità, Giovanni Battista Pizzo, e i sindaci di Biancavilla, Adrano e Santa Maria di Licodia, Giuseppe Glorioso, Pippo Ferrante e Totò Mastroianni, il presidente del Consiglio Comunale di Paternò, Laura Bottino, e il deputato regionale Nino D’Asero.

Assieme ad altri rappresentanti istituzionali, anche semplici cittadini che non hanno voluto mancare ad un momento che si ritaglia uno spazio nella storia cittadina. Padre Francesco Rubino, parroco del “Sacro Cuore”, ha impartito la benedizione. A spiegare i dettagli tecnici, tre ingegneri della Ferrovia Circumetnea: Alessandro Di Graziano, Salvatore Fiore e Virginio Di Giambattista.

inaugurazione-metropolitana-stazione-colombo3

Taglio del nastro inaugurale da parte dell’assessore Pizzo affiancato dal sindaco Glorioso e dal parlamentare Nino D’Asero

Quattro le stazioni biancavillesi: Poggio Rosso (verso Santa Maria di Licodia), Centro (in coincidenza della vecchia e storica fermata Fce di zona Casina), via Colombo (praticamente ai piedi della chiesa Sacro Cuore) e Pozzillo (verso Adrano).

Con l’ultimazione delle opere, l’intero tratto è stato ridotto di circa 2 km, sono state eliminate tutte le curve di raggio minimo che limitavano la velocità e i 50 passaggi a livello pubblici e privati, spesso guasti e quindi causa di rallentamenti.

«A fronte di un tempo di percorrenza sulla tratta Paternò-Adrano di circa 68 minuti, adesso –spiegano dalla Fce– si potrà, in 50 minuti, intercsambiare con la rete metropolitana di Catania e proseguire verso il centro del capoluogo etneo, utilizzando, peraltro, lo stesso titolo di viaggio, grazie al nuovo sistema di bigliettazione unica elettronica».

Ad ottobre, intanto, è previsto l’arrivo di littorine nuove e più veloci, mentre a settembre le stazioni di Biancavilla saranno ultimate con gli ultimi dettagli: panchine e cestini, ora mancanti.

inaugurazione-metropolitana-stazione-colombo

La stazione di via Colombo, ai piedi della chiesa Sacro Cuore

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
3 Commenti

3 Commenti

  1. vincenzo

    1 Agosto 2015 at 21:11

    Non hanno creato una metropolitana, ma solo una Littorina Interrata non ha cambiato nulla così come è stata fatta, se è vero che la tratta è più breve(ma non è così) è anche vero che le fermate sono triplicate, quindi non si risparmia certo tempo.
    E poi che significa “A fronte di un tempo di percorrenza sulla tratta Paternò-Adrano di circa 68 minuti” ma siamo impazziti? la vecchia littorina faceva Biancavilla (Bar Colombo)- Catania (borgo) in 60 minuti, fino a 56 anni fa, mica in 2 ore?ma chi le ha rese queste dichiarazioni?

    E anche se fosse vero(ma è pura fantasia), si legge di una riduzione di soli 2km di tragitto, ma da 68 minuti si passa a 50 minuti, cioè quei 2 km in più si percorrevano in 18 minuti??neppure a piedi? sulle mani a testa in giù?….ma cosa dite, cosa scrivete….

  2. concita

    30 Luglio 2015 at 15:50

    Bellissima impresa….di cui i cittadini del comprensorio possono pregiati. ….ma gli appartamenti distrutti e le case danneggiate a noi limitrofi della obsoleta strada ferrata ….chi le paga? Chi risarcire cotanto ingente danno?
    Vorrei che i vertici presenti ai festeggiamenti di inaugurazione …. mi dessero una degna risposta! !!

    • vincenzo

      1 Agosto 2015 at 20:53

      Non ci vogliono certo i vertici per risponderti, i danni li risarcisce la ferrovia circumetnea, tra biancavilla ed adrano sono decine le persone che hanno chiesto e ottenuto il risarcimendo, facendo causa alla FCE, basta andare da un avvocato e far valere i propri diritti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno mandata in frantumi

Distrutta in via Romagnosi la targa intitolata ad una vittima delle foibe nel “Giorno del ricordo”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno (vittima biancavillese delle foibe) è stata frantumata. I pezzi sono a terra, in via Romagnosi. La targa commemorativa era stata affissa, per volere dell’amministrazione comunale, nel luogo i cui aveva abitato Furno, nato nel 1901 e finito nelle foibe nel 1945.

L’affissione della lapide era avvenuta nel “Giorno del ricordo” con la partecipazione di alcuni pronipoti di Furno, che aveva lasciato Biancavilla nel 1933 per andare a fare l’insegnante.

Il sindaco Antonio Bonanno è stato informato dell’accaduto. Il gesto non sarebbe da collegare ad un’azione vandalica. Si sospetta di qualcuno che ha compiuto l’atto in modo sconsiderato, sulla base di segnali che erano stati notati fin dal giorno della cermonia del 10 febbraio.

Da parte del Comune, secondo quanto apprende Biancavilla Oggi, c’è l’impegno da subito a realizzare una nuova targa e ricollocarla nella stessa parete dell’abitazione che fu di Salvatore Furno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili