Connettiti con

Cronaca

Un atto di crudeltà a Biancavilla: ucciso un gatto e lasciato come un rifiuto

La segnalazione è arrivata da alcuni abitanti di zona “Casina” ai volontari dell’associazione “Agriambiente”

Pubblicato

il

Un inutile e deplorevole atto di crudeltà commesso nei confronti di un gatto randagio. La povera bestiola è stata torturata e strozzata con una corda. E poi lasciata all’interno di una scatola di cartone, come un qualsiasi rifiuto.

È avvenuto in via Vittorio Emanuele, in zona “Casina”, a Biancavilla. La segnalazione di alcuni residenti della zona è arrivata ai volontari dell’associazione Agriambiente.

Sul posto, il presidente Dino Petralia.  «Un gesto compiuto da un vigliacco, un gesto da condannare, visto che il gatto è stato maltrattato prima di essere strozzato. Adesso –dice Petralia– provvederemo a denunciare l’episodio agli uffici dell’Asp per la parte di propria competenza. E allo stesso tempo chiameremo i vigili urbani per provvedere alla rimozione della carcassa».

Episodi di questo tipo -lo ricordiamo- rappresentano un reato previsto dal Codice penale, che all’art. 544 bis recita: «Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Da una cicca di sigaretta all’incendio, soccorse due ragazze a Biancavilla

Intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Greco Sicula, nel quartiere “Cristo Re”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una sigaretta che si pensava spenta nel posacenere finisce nella spazzatura, posta in sacchetti sul balcone, al primo piano di un’abitazione. Qualche minuto e si sprigionano fiamme e fumo. È accaduto in via Greco Sicula, a Biancavilla, nel quartiere della parrocchia Cristo Re.

Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano, che hanno messo in sicurezza i luoghi. Sul posto anche agenti della polizia locale.

Un’ambulanza del 118 con medico a bordo è stata chiamata per dare soccorso a due sorelle di 11 e 14 anni, le uniche che erano in casa. Avevano respirato i fumi e per precauzione si è preferito sottoporle all’esame medico. Per loro, comunque, nulla di grave. Non è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

Quanto alla casa, al di là dei luoghi anneriti dal fumo, per fortuna resta agibile e quindi abitabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti