Connettiti con

News

I contagi sono a quota 47 a Biancavilla, Bonanno: «Dati destinati a salire»

Anziani a rischio, il sindaco annuncia procedure di tracciamento con l’Asp: «Non nascondo la preoccupazione»

Pubblicato

il

Mai così tante persone contagiate a Biancavilla: 47. Questo il numero delle persone infette, comunicato nell’ultimo bollettino del Comune, sulla base di dati forniti dall’Asp di Catania.

«Un numero – specifica il sindaco Antonio Bonanno – che è impietosamente destinato a salire». Il trend dei giorni scorsi, d’altra parte, ha indirizzato ad una scenario con una epidemia in progressiva espansione anche a Biancavilla.

«Non vi nascondo la mia preoccupazione dinanzi ad una curva dei contagi che non arresta la sua salita», ammette il primo cittadino.

«Nel frattempo, assieme all’Asp, stiamo effettuando – annuncia poi Bonanno – una ricognizione sul tracciamento di ogni contagiato. Dobbiamo tutelare le persone che sono state in contatto e, tra queste, molti sono soggetti deboli perché vittime di altre patologie».

Ma non basta. Per arginare la diffusione del virus è necessario adottare una condotta precisa.

«Tocca anche ad ognuno di noi – dice Bonanno – prenderci cura, con i nostri comportamenti, delle persone anziane. E di quelle che – all’interno della famiglia – sappiamo che possono essere a rischio».

«Non ne usciremo presto. È per questo che, al di là dei casi che si registreranno nei prossimi giorni, dobbiamo attenerci al nostro senso di responsabilità. Mascherina sempre, distanziamento sociale, risciacquo frequente delle mani», conclude il sindaco, ricordando le precauzioni, sempre valide, da seguire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Il gesto di un biancavillese d’adozione: donato un defibrillatore alla città

Il dispositivo elettronico “salva vita” è già stato collocato all’ingresso del palazzo comunale

Pubblicato

il

«Conosco il valore di uno strumento come il defibrillatore. Voglio donarne uno, a titolo personale, alla città che mi ha adottato».

L’ingegnere Giovanni Lau, 39 anni, originario di Misterbianco, ha mantenuto la promessa fatta prima che il virus scombinasse i piani di tutti: donare al Comune di Biancavilla un defibrillatore per metterlo a disposizione della città.

Adesso, nel corso di una cerimonia informale, il dispositivo elettronico è stato consegnato al sindaco Antonio Bonanno. Lau era accompagnato dalla moglie, Marinella Milazzo di Biancavilla.

«È un gesto disinteressato e di grande considerazione nei confronti della nostra città – commenta il sindaco Antonio Bonanno – la sensibilità e la collaborazione dei cittadini sono la conferma che la nostra comunità è viva e solidale».

Il defibrillatore donato è stato già installato all’ingresso del Comune, con l’aiuto dell’assessore Francesco Privitera. È a disposizione di tutta la comunità.

Pochi mesi fa, a Biancavilla, ignoti hanno rubato un defibrillatore posto all’esterno del Circolo Castriota, tra Piazza Roma e via Vittorio Emanuele. «Tra qualche settimana – assicura il consigliere Salvo Pulvirenti, presente alla posa – ne arriverà uno nuovo». Il sindaco lo ha ringraziato per essersi preso cura della sostituzione dello strumento sottratto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili