Connect with us

News

Quando l’estate è a consumo zero: consigli utili per evitare gli sprechi

Pubblicato

il

Questa è un’estate sicuramente diversa dalle altre, come racconta la cronaca, resa tale per molti motivi diversi, ma ci sono degli aspetti che non cambiano. Non cambia ad esempio la voglia di vacanza degli italiani, se possibile più alta e forte rispetto agli anni più recenti. E non cambia la necessità di dover intervenire sugli sprechi di energia, dato che con il grande caldo spesso si abusa del condizionatore. Inoltre, c’è lo smart working che questa estate peserà parecchio sulle bollette delle famiglie italiane. Ecco i consigli per evitare gli sprechi.

Consigli base per non sprecare

Per ottimizzare i consumi, bisogna intervenire dalle basi, quindi cercando un fornitore energetico economicamente in linea con le proprie necessità. In questo modo si potranno evitare sprechi o bollette eccessive. Per fortuna oggi è facile trovare diverse offerte per la luce anche online: bisognerà scegliere la più adatta e muoversi di conseguenza.

Non solo la bolletta. In estate conviene stare attenti anche ai consumi in cucina, perché possono diventare onerosi in bolletta. Qui si consiglia di cucinare utilizzando i fornelli piccoli, dato che sprecano meno, e di coprire le pentole con il coperchio, per evitare la dispersione del calore (che aumenta gli sprechi).

Avendone la possibilità, poi, è meglio investire comprando degli elettrodomestici con classe A+++. Ci sono altre dritte utili per allentare il peso dei consumi sulle bollette, ad esempio coibentando la casa o utilizzando soluzioni murarie: in questo modo è possibile proteggere le temperature interne dall’ingresso del caldo (e del freddo in inverno), sfruttando così al massimo l’energia spesa per il raffrescamento delle stanze.

Come utilizzare al meglio il condizionatore

Ecco il grande protagonista, nel bene e nel male, delle estati italiane: il condizionatore. Questo elettrodomestico è fondamentale per affrontare le settimane estive più bollenti, ma occorre utilizzarlo con attenzione, per non appesantire oltremodo la bolletta. Il primo suggerimento è di mantenere l’escursione termica fra ambienti interni ed esterni entro i 5 gradi, per non sforzare il motore del climatizzatore.

In secondo luogo, meglio sfruttare una modalità come la deumidificazione, che consuma meno e che non pesa sulla salute. Anche la ventilazione è utile, perché migliora la circolazione del freddo nelle stanze, e perché permette di espandere la portata complessiva del getto d’aria, raggiungendo zone più lontane. Inoltre, è il caso di montare il climatizzatore in alto, perché l’aria fredda ha la tendenza a scendere, al contrario di quella calda, che invece sale. Risparmiare con il condizionatore significa anche fare molta attenzione alla manutenzione dell’apparecchio, come nel caso della pulizia dei filtri. Questa operazione andrebbe fatta almeno una volta l’anno, prima di accenderlo dopo mesi di stop. Infine, spesso non serve tenere acceso il condizionatore per molto tempo, limitandosi ad esempio agli orari più caldi della giornata.

Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

In frantumi la targa commemorativa dell’ex sindaco Peppino Pace

L’amministrazione comunale: «Un atto vigliacco, di certo rimetteremo tutto al proprio posto»

Pubblicato

il

La targa commemorativa posta a ricordo del sindaco comunista Peppino Pace, svelata in occasione del recente 25esimo anniversario della morte, è stata trovata in frantumi. Si pensa ad un atto vandalico.

«Se confermato, si tratterebbe di un gesto vile. E inaccettabile. Sarebbe stata vandalizzata la targa, posta lo scorso 27 luglio, alla memoria di Giuseppe Pace e che dà l’intitolazione dello spiazzale. Uno spettacolo indecoroso con la targa che è stata trovata frantumata a terra, ben distante dal palo di supporto che la conteneva», si legge in una nota subito diffusa dal Comune di Biancavilla.

«Un atto vigliacco – dicono il sindaco Antonio Bonanno e l’assessore Nino Finocchiaro -. Di certo, rimetteremo tutto al proprio posto: dovesse essere stata opera di qualche vandalo, non si interromperà comunque la strada della legalità e del ricordo di donne e uomini che, come Giuseppe Pace, si sono battuti per rendere Biancavilla una città migliore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

News

“Strada della vergogna”, la visuale (ancora più impietosa) con il drone

Intervento dei volontari Gepa dopo le immagini diffuse da “Biancavilla Oggi” sulle condizioni dell’arteria provinciale

Pubblicato

il

Avevamo pubblicato, qualche giorno fa, un video sullo stato dalla “strada della vergogna”, la Sp 156 Dir, nel punto che segna il confine con il territorio di Adrano. Un tappeto di immondizia e un trionfo di inciviltà. Una cartolina della Valle del Simeto macchiata da questo immondezzaio a cielo aperto, che rovina l’arteria provinciale: così l’abbiamo definita.

Dopo la diffusione delle nostre immagini (le ultime di una antica serie), sono intervenuti i volontari dell’associazione Gepa, che hanno documentato con ulteriori foto e video (pure con l’ausilio di un drone) le condizioni dell’arteria. Dall’alto, la visuale è ancora più impietosa.

Ma i volontari sono anche andati oltre, cercando qualche elemento, rovistando tra i rifiuti, per potere risalire a qualcuno dei responsabili di questo scempio.

«Siamo stati con tutti i ragazzi della Gepa sulla Sp 156, dopo che voi di Biancavilla Oggi avete pubblicato il video. Sul posto abbiamo trovato –rivela il presidente Dino Petralia– fatture, carte dell’Agenzia delle entrate, codici fiscale. Ci sono nomi e cognomi che segnaleremo a chi di competenza perché si intervenga. Anzi, si deve intervenire perché è veramente una vergogna vedere quella strada in quelle condizioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili