Connettiti con

Politica

A Biancavilla euforia a “5 Stelle” per la nomina di Catalfo a ministro

Pubblicato

il

«Ho provato una forte emozione, oltre che smodato piacere, nel sentire il nome di Nunzia Catalfo, quale ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, incarico che nel precedente governo è stato svolto da Luigi Di Maio. Su Nunzia Catalfo la scelta è stata azzeccata. La senatrice da anni si è occupata di formazione e di lavoro e ad oggi ricopre l’incarico di presidente della commissione lavoro e previdenza in Senato. Ricordo l’entusiasmo e la dedizione profusa nel suo lavoro, quando lo scorso ottobre a Roma, nel suo ufficio, mi ha mostrato i disegni di legge a cui stava lavorando col suo staff, non ultime le misure sul reddito di cittadinanza, sul decreto dignità, sul salario minimo e su altri ancora».

È quanto dichiara, a nome del Movimento 5 Stelle di Biancavilla, il consigliere comunale Dino Asero, a commento dell’ingresso nel governo della senatrice di origini biancavillesi.

LEGGI L’ARTICOLO

Una “biancavillese” al governo: Nunzia Catalfo, ministro del Lavoro

«Nel mese di maggio, assieme ad un nutrito numero di attivisti pentastellati, abbiamo organizzato – ricorda Asero – un incontro pubblico a Biancavilla sul reddito di cittadinanza, al quale Nunzia ha prontamente partecipato dimostrando doti oratorie e padronanza di termini e contenuti appropriati poiché prima firmataria della suddetta legge».

«Nunzia Catalfo – dice ancora Asero – è stata sempre vicina al Movimento 5 Stelle di Biancavilla: disponibile alle richieste di noi attivisti per la soluzione dei problemi del territorio biancavillese, presente e di supporto durante la nostra campagna elettorale nella passata competizione. Ebbene a Nunzia Catalfo, quale nuovo ministro del governo Conte II, va l’augurio del Movimento 5 Stelle di Biancavilla con l’auspicio, che si presenta assoluta certezza, che nel corso di questi anni metterà la stessa grinta, tenacia e competenza sino ad oggi mostrata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti