Connettiti con

News

È allarme topi, interventi insufficienti Il Comune: «Non ci sono soldi»

Pubblicato

il

di Alessandro Rapisarda

L’Sos, gli abitanti della zona di via Siracusa e via Sacco e Vanzetti lo avevano lanciato attraverso Biancavilla Oggi nei giorni scorsi: si intervenga perché qui c’è una presenza allarmante di topi, persino i bambini ci giocano e poi li ammazzano con le scope.

Adesso, un ulteriore Sos di strade vicine, da via Giovanbattista Vico a via San Domenico, da via Macerata a via Monte Cimone, gli abitanti denunciano la presenza di ratti.

«Abbiamo chiamato l’ufficio tecnico di Biancavilla e ci hanno detto che, considerate le troppe richieste di intervento, i soldi non bastano», sottolineano.

In diverse zone la derattizzazione è stata fatta, ma non c’è un piano complessivo e quindi si interviene alla giornata. In sostanza, si procede a “rattoppa buche”. Interventi inadeguati e insufficienti.

Mai come in questo periodo, in redazione erano arrivate così numerose segnalazioni, da ogni parte di Biancavilla, sulla presenza di roditori, anche grossi, come mostra più di ogni altra parola la foto che un gruppo di abitanti ci ha inviato dall’area attigua al viale Cristoforo Colombo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Impennata Covid, a Biancavilla il 30% di casi in più negli ultimi 15 giorni

Sono 183 i biancavillesi con positività al virus: +32 “nuovi ingressi” registrati in due settimane

Pubblicato

il

Non se ne parla, i “bollettini” hanno interrotto la loro periodicità. Ma il Covid non arretra. Anzi, secondo gli ultimi dati verificati da Biancavilla Oggi, nella nostra città c’è –in linea con il trend nazionale– un aumento dei nuovi casi.

Se confrontiamo le statistiche delle ultime due settimane, l’incremento dell’incidenza della positività al coronavirus è balzata di circa il 30%. Se 15 giorni fa, le persone positive a Biancavilla erano un centinaio, adesso quelle registrate sono 183. Nello specifico, i “nuovi ingressi” sono 32, quindi circa il 30% in più rispetto a due settimane fa.

Un salto non indifferente. Ma il dato –riferito al quadro offerto dall’Asp di Catania e dalla struttura commissariale Covid– è da ritenere sottostimato. C’è una realtà sommersa. A causa dei test che si fanno a casa, tanti casi di positività non vengono comunicati ufficialmente o arrivano alle autorità sanitarie con ritardo.

Da qui, la necessità della prevenzione e delle accortezze da seguire quando si frequentano luoghi pubblici. E per chi rientra nel target di età o di “fragili” condizioni di salute, l’opportunità della quarta dose del vaccino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili