Connettiti con

Politica

Ospedale, Symmachia: «Ora più servizi, ambulatori ed elisoccorso»

Pubblicato

il

Sulla notizia dell’imminente sblocco dei lavori dell’ospedale di Biancavilla, esprime soddisfazione l’associazione culturale Symmachia che, nei mesi scorsi, aveva chiesto di far ripartire i lavori di completamento della struttura, ponendo l’attenzione sul futuro del nosocomio biancavillese, con incontri pubblici e volantinaggi nelle piazze di Adrano e Biancavilla.

«Questa è la vittoria di un intero territorio – dicono Vincenzo Ventura e Chiara Carrà di Symmachia – di fatto, sono state accolte diverse nostre proposte, condivise con i cittadini: dal nuovo reparto di Rianimazione al mantenimento del punto nascite».

Per Symmachia, la ripresa dei lavori consentirà di avere una struttura ospedaliera all’altezza con macchinari moderni e adeguati.

«Adesso, bisogna tenere viva l’attenzione sull’Ospedale e impegnarsi per il potenziamento dei servizi sanitari – sottolineano Ventura e Carrà – noi continueremo a chiedere con forza la realizzazione della pista per l’elisoccorso, l’attivazione di ambulatori per la prevenzione e la diagnosi dei tumori alla pleura, visto il problema della fluoroedenite, il potenziamento del Pronto Soccorso con un congruo personale medico e paramedico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti