Connettiti con

Politica

Pippo “Pig” e le altre figurine politiche nell’album della satira “biancavillana”

Pubblicato

il


Ce n’è veramente per tutti: nessuno è risparmiato. C’è innanzitutto il sindaco, personaggio protagonista dipinto come Pippo “Pig” Glorioso o come un sosia perfetto di Mayor “Joe” Quimby dei Simpson. E poi consiglieri, assessori, figure e figurine della politica paesana, vecchi e nuovi, in una ricca carrellata. Tutti “svelati” nei loro vizi e nei loro vezzi, nei loro tic e nei loro caratteri, almeno così come vengono percepiti nell’opinione pubblica biancavillese. Già, in fondo questo deve fare la satira.

Quelle che vedete sono tutte “opere” satiriche pubblicate nel profilo facebook “Biancavilla Antica e Bella”. Chi bazzica sul social network le conosce già perché sono on line da mesi e alcune da qualche anno. Chi non è un frequentatore di bacheche e gruppi sul web e vede per la prima volta questi fotomontaggi politici non può che farsi qualche risata.

Diciamolo pure: lasciano molto a desiderare nell’aspetto grafico. Poca cura, molti pasticci, pezzi grossolani staccati alla meno peggio e appiccicati qua e là, in maniera molto sbrigativa. Ma – immaginiamo – nelle intenzioni degli sconosciuti o dello sconosciuto “Forattini biancavillese” (definizione nostra, pure questa satirica!) c’è soltanto la voglia di graffiare con sottili (mica tanto) sottintesi, come è giusto che sia, i nostri politici e i nostri amministratori per i loro limiti e i loro difetti, le loro furbizie e le loro incapacità.

E soprattutto esprimere quelle verità sotto gli occhi di tutti che – non riportabili nelle cronache giornalistiche, non politicamente corrette nel dibattito pubblico “ufficiale” – possono essere spiattellate soltanto con il linguaggio dell’irriverenza.

È satira quella di “Biancavilla Antica e Bella”, per quanto grezza e amatoriale, perché, mai volgare, mai offensiva, mai diffamatoria, riesce ad infastidire gli amministratori e a divertire gli amministrati, non senza indurli alla riflessione.

Così, scorrendo questo album satirico della politica biancavillota (e spesso biancavillana), alla vista di un Pippo “Pig” che sguazza nei fanghi del depuratore, passando da un cimitero di politici-zombie ad un call center di poveri precari, districandoti tra montagne di rifiuti e deliziandoti con vassoi di pasticcini, non puoi che riempirti i fianchi con una sana e fragorosa risata. Ma di breve durata. Perché è una risata con un retrogusto amaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Dino

    2 Maggio 2015 at 2:18

    MS Paint rulez!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Carmelo Salamone, nuovo direttore amministrativo al Comune di Biancavilla

È vincitore di concorso, formalizzata la sua assunzione: lavorerà allo Sportello per le Attività produttive

Pubblicato

il

Firma del contratto, lunedì si comincia. Il dott. Carmelo Salamone, 36 anni, è il nuovo istruttore direttivo amministrativo del Comune di Biancavilla. Salamone, biancavillese, laureato in Giurisprudenza, è il vincitore del concorso il cui iter si è concluso il 18 marzo scorso. Andrà a rafforzare la squadra di lavoro amministrativa. Lavorerà allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP), il soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che hanno ad oggetto l’esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi.

Il nuovo assunto darà manforte allo SUAP del Comune di Biancavilla al centro di una profonda trasformazione. Sta per partire, infatti, lo SUAP ONLINE, piattaforma digitalizzata per l’accoglimento di istanze, domande, richieste, SCIA, comunicazioni e ogni altra procedura autorizzatoria o comunicativa.

«Al dott. Salamone – afferma il sindaco Antonio Bonanno – ho augurato buon lavoro. Sono certo che darà un contributo di qualità ed efficienza alla macchina amministrativa. La sua assunzione è stata resa possibile dall’apertura dei concorsi che ha permesso al nostro Comune di aprire a nuove forze in sostituzione dei professionisti andati in pensione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti