Connettiti con

Politica

Il consigliere Bonanno: «Intitoliamo la palestra a Falcone e a Borsellino»

È una proposta per la struttura in corso di costruzione accanto al plesso scolastico “Don Bosco”

Pubblicato

il

Intitolare la palestra adiacente al plesso “San Giovanni Bosco” di Biancavilla –attualmente in costruzione – a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. È questa la proposta avanzata dal consigliere comunale Antonio Bonanno. Una proposta formalizzata con una lettera ed inoltrata al sindaco.

«La nuova palestra, che sorgerà all’interno del centro sportivo polifunzionale nell’area adiacente al plesso “Bosco”, a causa della pandemia –dice il consigliere– è ancora in fase di ultimazione, ma si stima possa essere consegnata alla collettività scolastica nel più breve tempo possibile. La mia proposta, in considerazione dell’iter burocratico a cui la stessa dovrà sottoporsi, se ritenuta opportuna, nasce con il fine di dare un segnale forte e chiaro nel tempo alla collettività biancavillese. Trasmettere un valore che deve essere già presente nel dna di ognuno di noi, come messaggio da diffondere non solo nel presente, ma anche alle generazioni che verranno, come la cultura della legalità e la difesa della nostra società».

La proposta dovrà avere il parere positivo degli organi scolastici del primo Circolo didattico (Collegio docenti e Consiglio d’istituto). Successivamente il via libera del Provveditorato degli studi e della Giunta comunale.

L’intitolazione, se approvata, «permetterà di mantenere vivo –sottolinea il consigliere Bonanno– il ricordo di uomini dello stato, uomini che hanno perso la loro vita nella difesa della legalità e nella lotta alla mafia. Uomini che devono essere il faro delle giovani generazioni con le loro idee sempre vive».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla ha il suo primo asilo nido comunale (dopo decenni di attese)

La struttura inaugurata dall’assessore regionale alla Famiglia, Scavone, e dal sindaco Bonanno

Pubblicato

il

Una struttura accogliente, multicolorata e funzionale, per accogliere decine di bambini. Sono le caratteristiche del nuovo asilo nido comunale “Domenico Savio” inaugurato alla presenza dell’assessore regionale alla Famiglie e alle Politiche sociali, Antonio Scavone.

«Biancavilla non ha mai avuto un asilo nido comunale – commenta il sindaco Antonio Bonanno – è immaginabile, quindi, la gioia e l’emozione di tutta la mia maggioranza nel tenere a battesimo questa struttura. Un segno di concretezza amministrativa che arricchisce e rende ancor più vivibile il nostro territorio. Ma è soprattutto un traguardo importante per tutta la città che può vantare da oggi una struttura a dimensione di bambino».

A seguire l’allestimento della struttura, gestita da una cooperativa locale, aggiudicataria dell’appalto, sono stati gli assessori Vincenzo Amato e Francesco Privitera.

La Sicilia, ha ricordato stamattina l’assessore Scavone, è all’ultimo posto per numero di asili nido. Dotarsi di ampi locali capaci di accogliere fino a 24 bambini conferma, perciò, la grande attenzione verso la comunità, le giovani famiglie in particolare.

L’Asilo Nido “Domenico Savio” si trova in via Filippo Turati. Ospita, come si diceva, fino a 24 bambini tra i 12 e i 36 mesi. L’orario di apertura ha due tipologie: tempo corto, dalle 7.30 alle 13.30 e tempo lungo, dalle 7.30 alle 16.30.

Per l’anno educativo in corso l’asilo resterà aperto fino al 31 luglio, con la possibilità di prolungare l’apertura per tutto il mese di agosto.

Suor Biagina Calanni Billa, direttrice dell’Istituto “Maria Ausiliatrice”, presente all’inaugurazione, ha augurato buon lavoro a tutto il personale e si è complimentata con l’amministrazione per l’obiettivo raggiunto.

Dopo il tradizionale taglio del nastro, i locali sono stati benedetti da padre Salvatore Verzì della vicina Parrocchia di Santissimo Salvatore. Assieme a lui, anche padre Ambrogio Monforte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili