Connettiti con

Politica

Rifiuti, a Biancavilla -40% in bolletta: ecco come partecipare al progetto

Iniziativa sperimentale per 200 famiglie con un piccolo centro di compostaggio in zona “Fontana vecchia”

Pubblicato

il

Riduzione della bolletta dei rifiuti a Biancavilla: obiettivo possibile. È stato pubblicato sul sito internet del Comune di Biancavilla l’avviso per la selezione delle utenze domestiche e non domestiche aderenti al progetto di compostaggio di comunità “MIDA NOWASTE” e costituzione dell’organismo collettivo “S.C. MIDA”.

Le 200 famiglie selezionate potranno beneficiare di uno sgravio in bolletta fino al 40% della parte variabile della Tari così come previsto dal Regolamento comunale sulla pratica del compostaggio di comunità.

Il progetto è coordinato dall’IRSSAT e proposto in collaborazione con il Comune di Biancavilla, Nest srl, Envisep Srl e Rifiuti Zero Sicilia. Si è classificato al primo posto tra le innovazioni selezionate dal Ministero dell’Ambiente. L’ambito è quello del “Bando per il cofinanziamento di progetti di ricerca volti allo sviluppo di tecnologie per la prevenzione, il recupero, il riciclaggio ed il trattamento di rifiuti non rientranti nelle categorie già servite da consorzi di filiera”. Contribuisce alla individuazione di sistemi innovativi per il compostaggio di comunità.

La piattaforma per il compostaggio sarà realizzata nell’area verde di via Taranto (zona “Fontana vecchia”, dietro i locali dell’ex macello). Sarà al servizio delle utenze residenti nel raggio di 1 km. Si tratta di un “micro” impianto che tratterà circa 80 tonnellate annue.

La piattaforma sarà costituita da 5 postazioni. L’utente, utilizzando un display intuitivo, potrà agevolmente introdurre i propri scarti organici e avviare il ciclo di trattamento.

Sarà accessibile semplicemente grazie a un sistema di identificazione e controllo tramite smart card e/o app. Un sistema con il quale sarà monitorato il quantitativo di organico conferito e calcolato lo sgravio spettante. È prevista la possibilità di prenotare il conferimento per evitare eventuali attese e rispettare il distanziamento sociale.

Risparmio e rispetto ambientale

Riduzione della bolletta dei rifiuti, a Biancavilla. Ma non solo. C’è il rispetto ambientale. «Abbiamo già raggiunto una percentuale di raccolta differenziata straordinaria e dobbiamo continuare differenziando sempre meglio. Con questo progetto innovativo diamo ai nostri concittadini anche l’opportunità di risparmiare. Sempre in un’ottica di innovazione, riciclo e rispetto dell’ambiente», dichiara il Sindaco Antonio Bonanno.

Tra i progetti dell’IRSSAT in collaborazione con il Comune, è in programma anche la riqualificazione dell’area verde con il ripristino dell’area giochi attrezzata per i bimbi e l’installazione di una casa dell’acqua.

«L’obiettivo è quello di trasformare il conferimento dei propri rifiuti organici in un’occasione per fare una piacevole passeggiata in mezzo al verde», sottolinea il presidente IRSSAT Giuseppe Lo Bianco. «Alla fine del progetto produrremo compost di alta qualità ed energia per rendere autosufficiente l’impianto».

Come partecipare al progetto

Per partecipare al bando, gli interessati possono inviare la loro richiesta entro le ore 12 del 15 luglio, compilando il modello pubblicato online nel sito del comune e scaricabile a QUESTO LINK.

La domanda, con allegata la copia della carta di identità del richiedente, va consegnata all’ufficio protocollo del Comune o spedita tramite posta; può anche essere inviata tramite pec a protocollo@pec.comune.biancavilla.ct.it, o per email a protocollo@comune.biancavilla.ct.it.

I richiedenti selezionati saranno inseriti in una graduatoria elaborata dando priorità in base al maggior numero di componenti del nucleo familiare ed alla vicinanza del luogo di residenza dell’utente alla piattaforma.

Si intende inoltre promuovere la partecipazione di più famiglie residenti nella stessa via/viale/piazza o nello stesso stabile/condominio. A tal fine, l’istanza prevede uno spazio in cui è possibile indicare i nominativi degli altri richiedenti in modo da poter ottenere un punteggio bonus ed essere selezionati in gruppo.

Le famiglie ammesse conferiranno i propri rifiuti umidi esclusivamente presso la piattaforma di comunità per almeno 12 mesi. Si impegneranno a partecipare alle attività informative sull’uso della piattaforma, dell’app e dei macchinari, nonché alle attività di promozione del progetto.

Per ottenere lo sgravio fiscale è necessario riciclare annualmente almeno 80kg di scarti organici per ciascun componente del nucleo familiare. Si tratta di una soglia minima che tiene conto di eventuali mancati conferimenti per esempio nei mesi estivi.

Per informazioni o chiarimenti è possibile contattare l’Area Tecnica del Comune di Biancavilla – Tel. 095/7600317 – e-mail: mancari@comune.biancavilla.ct.it, oppure rivolgersi alla segreteria dell’IRSSAT (coordinatore del progetto) Tel. 095/2938216 – 095/7188869 – e-mail: segreteria@irssat.it.

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Pronto soccorso solo per i malati Covid, il sindaco Bonanno: «È inaccettabile»

Ennesima decisione improvvisa e non corcordata, protesta del primo cittadino: «Esigo spiegazioni»

Pubblicato

il

Prima il reparto di Chirurgia dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” rimodulato a Centro Covid. Poi anche altri reparti (da Pediatria a Ortopedia) destinati ai malati con sintomi influenzali dovuti al coronavirus. Adesso il pronto soccorso della struttura sanitaria risulta essere accessibile solo ai pazienti contagiati. Tutti gli altri, in ambulanza del 118 o con trasporto privato, dovranno essere deviati in altri pronto soccorso di altre strutture.

Ancora una volta, una notizia improvvisa e inaspettata. Come era accaduto con la decisione di aprire l’ospedale di Biancavilla ai malati Covid, notizia anticipata dalla nostra testata.

Su quest’ultima scelta, è intervenuto in serata il sindaco Antonio Bonanno. «È accaduto un fatto gravissimo. Ho appreso come tutti voi che il Pronto soccorso è stato destinato solo a coloro i quali avvertono sintomi da Covid-19. È un fatto inaccettabile», ha detto il primo cittadino.

Una presa di posizione che è una protesta: «Lo è perché decisioni così importanti vanno concordate e non “impiattate” senza alcun confronto. Una mancanza di rispetto assoluto nei riguardi della città».

«Comprendo il momento difficile, ma – specifica Bonanno, rivolgendosi ai biancavillesi – non sono affatto d’accordo con questa decisone. Pretendo una spiegazione! Sono certo che sarete dalla mia parte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Politica

Amianto, Ss 284, sviluppo locale: il ministro Catalfo in visita a Biancavilla

A Villa delle Favare incontro istituzionale, poi tour nelle aziende, quindi una passeggiata in piazza Roma

Pubblicato

il

Intensa giornata a Biancavilla per il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, che ha origini biancavillese da parte del padre. In mattinata è stata ricevuta in visita istituzionale a Villa delle Favare dal sindaco Antonio Bonanno. A presenziare all’incontro, tra gli altri, l’assessore regionale, Antonio Scavone, i rappresentanti dei Comuni di Adrano e Centuripe; il presidente del Consiglio Comunale, Marco Cantarella.

Tra i tanti temi discussi, il primo cittadino ha sollevato le questioni legate alla bonifica di Monte Calvario, al grado di sicurezza della Statale 284, alle cosiddette Aree interne, alla forte necessità di creare lavoro per dare risposta ai tanti giovani e non, della nostra terra.

Presente anche il prof. Benedetto Torrisi del Comitato “Pro raddoppio della Ss 284”, che ha manifestato esigenze e istanze che da alcuni anni sull’importante arteria stradale attendono risposte. Una battaglia – è stato specificato – che non ha coloritura politica, visto che quella infrastruttura è utilizzata da tutti, a cominciare da lavoratori e studenti, e che spesso è stata oggetto di gravissimi incidenti. Oltre 360 nel corso dei decenni, molti mortali.

Un’opera che non rientra nell’ambito ministeriale di Nunzia Catalfo. Ma l’esponente del governo Conte non si è sottratta all’impegno. «La Ss 284, essendo io di questo territorio, è una strada che percorro diverse volte e ne conosco i pericoli», ha detto Catalfo. C’è un iter progettuale in corso e Catalfo si è impegnata a sollecitare il ministro delle Infrastrutture ed il viceministro affinché si possano velocizzare i tempi. E poi effettuare delle verifiche sul numero di incidenti, anche in relazione a quanti percorrevano la strada per ragioni di lavoro. «Una strada così trafficata, anche da mezzi pesanti, merita attenzione e priorità, me ne faccio carico», ha garantito il ministro Catalfo, nella sua visita a Biancavilla.

Tour aziendale e passeggiata in piazza

Nel pomeriggio, il sindaco Bonanno ha coinvolto il ministro Catalfo in una serie di incontri in alcune aziende ed imprese agricole locali. Imprese presenti in paese ma anche a Piano Rinazze, zona a sud di Biancavilla, dove ha sede il consorzio Euroagrumi. Qui, negli ultimi anni, si è concentrata una opposizione ai progetti di impianti di trattamento dei rifiuti.

«È emersa la ferma volontà – ha spiegato il primo cittadino – di dar vita ad un protocollo d’intesa che possa porre un freno al caporalato. Un fenomeno che danneggia fortemente gli stessi lavoratori che oggi vanno tutelati anche sotto il profilo dell’emergenza sanitaria in corso».

Una lunga giornata, per il ministro Catalfo, quella passata a Biancavilla in visita ufficiale. In città è stata fino a sera. In piazza Roma ha voluto fare una passeggiata, parlando con i cittadini in piazza Roma, visitando la basilica e salutando gli anziani dei circoli ricreativi.

«Abbiamo messo da parte qualunque divisione partitica per mettere al centro il nostro territorio, quella di oggi sarà una giornata che darà i suoi frutti. Ne sono certo», ha detto il sindaco Bonanno a conclusione della visita del ministro Catalfo.

Tra i vari omaggi consegnati al ministro anche tre volumi “Nero su Bianco”: quello su Antonio Bruno letterato e politico, la novella “San Placido” di Federico De Roberto quello sulle testimonianze fotografiche che ripercorrono la vita di padre Placido Brancato e della parrocchia Annunziata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili