Connettiti con

Politica

Sanificazione delle strade, contributo regionale di 9mila euro per Biancavilla

Emergenza “coronavirus”, una delibera di Palazzo d’Orleans assegna risorse a tutti i comuni dell’Isola

Pubblicato

il

Delibera da parte del governo regionale per lo stanziamento di una risorsa economica per il necessario servizio di sanificazione delle strade dei centri abitati, degli edifici pubblici e degli edifici scolastici.

La somma assegnata al Comune di Biancavilla è di 9mila euro. L’intervento da parte dell’amministrazione Bonanno è avvenuto prima che da Palermo giungesse lo stanziamento di questa somma. Una misura contenuta in un’ordinanza firmata dal primo cittadino per il «rafforzamento delle attività di contrasto per il contenimento della diffusione del virus Covid-19».

La disinfezione ambientale, con l’impiego di un atomizzatore di una ditta privata e la collaborazione dei volontari della Gepa e della Onlus Protezione Civile Biancavilla, ha riguardato via Vittorio Emanuele, viale Cristoforo Colombo, viale dei Fiori, via Inessa, via Scutari, via Umberto, viale Europa, via Fallica, via Giacomo Matteotti, via San Placido, via Benedetto Croce. Passaggio dell’atomizzatore pure all’ospedale, in tutti i plessi scolastici comunali, all’Ufficio postale e nella Caserma dei carabinieri, al mercato di via Filippo Turati, al cimitero, nonché in piazze e parchi.

A ciascun comune dell’isola la Regione ha assegnato un contributo in quota capitaria. «Si tratta – ha scritto il presidente Nello Musumeci in una lettera inviata ai sindaci – di un modesto contributo che, nell’attuale contingenza, costituì e comunque un’utile azione di sostegno alle amministrazioni locali, tutte impegnate nell’azione di contenimento dell’epidemia».

La quota del contributo stanziato dalla Regione è stabilita sulla base della popolazione dei vari centri pari a 0,38 centesimi per abitante con contributo minimo di mille euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Cartalemme, nuova fonte idrica per Biancavilla: Bonanno firma l’ordinanza

Il provvedimento, valido per tre mesi, consente di fare fronte alla penuria di acqua del periodo

Pubblicato

il

Con un’ordinanza emessa in via contingibile e urgente, per 3 mesi – fino al 30 settembre – il sindaco Antonio Bonanno ha disposto l’utilizzo della sorgente privata di “Cartalemme”. Un provvedimento che consente un “rinforzo” per far fronte all’emergenza idrica a Biancavilla (vari disservizi, in particolare, si sono registrati lungo Viale dei Fiori). La soluzione alternativa è motivata dai disagi legati al periodo estivo, con le fonti di approvvigionamento ridotte al minimo. Ma anche alla riduzione dell’erogazione da parte dell’Acoset, uno dei consorzi fornitori.  

L’intesa raggiunta con il Consorzio Cartalemme –grazie al Cda e al presidente Giovanni Bua– mette a disposizione la quota di eccedenza di acqua della sorgente di proprietà. Un beneficio per la comunità biancavillese che non intacca in alcun modo la dotazione idrica a disposizione dei soci del consorzio stesso.

L’acqua che sgorga dalla sorgente privata è stata preventivamente testata dall’Università degli Studi di Catania – Dipartimento “G.F. Ingrassia” Igiene e Sanità Pubblica. «Il campione analizzato – si legge nel responso- possiede le caratteristiche chimiche e microbiologiche che rientrano nei valori di parametro previsti dalla legge».

«Per 3 mesi –dice il sindaco Bonanno– cercheremo, quindi, di contenere i disagi legati all’approvvigionamento idrico. L’amministrazione sta facendo la propria parte. È necessario, però, che tutti facciano altrettanto, compresi i residenti delle zone dove non si registrano disservizi, cercando di limitare i consumi d’acqua potabile. È obbligatorio eliminare gli sprechi e razionalizzare i consumi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili